le notizie che fanno testo, dal 2010

Luca Parmitano inzia a Volare nello Spazio: arrivo sulla ISS. Video lancio Soyuz

L'astronauta italiano dell'ESA Luca Parmitano, insieme alla collega statunitense Karen Nyberg e al cosmonauta russo Fyodor Yurchikhin, sono partiti ieri sera dalla base di Baikonur (Kazakistan) con la "superveloce" Soyuz TMA-09M e sono giunti questa mattina sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Parmitano è stato inoltre il primo ingegnere di volo europeo a co-pilotare la navetta Soyuz durante le operazioni di modalità di avvicinamento rapido della Soyuz alla ISS.

"E' ora! Grazie infinite per il supporto e per le vostre parole. Arrivederci dalla Cupola!" cinguetta su Twitter Luca Parmitano un'ora prima del lancio della Soyuz TMA-09M che porterà l'astronauta italiano dell'ESA, la collega statunitense Karen Nyberg e il cosmonauta russo Fyodor Yurchikhin alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). La Soyuz TMA-09M si è staccata dalla Terra (video del lancio) puntualmente alle 22:31 di martedì 28 maggio, ora italiana, lasciando la base di Baikonur (Kazakistan) dalla stessa, storica, rampa di lancio da cui 52 anni fa partì il Vostok 1 di Yuri Gagarin, come ricorda l'ASI (Agenzia Spaziale Italiana). A 9 minuti dal lancio, la Soyuz era in orbita nello Spazio.

Come da destinazione, la Soyuz TMA-09M si è agganciata in modo sicuro questa mattina alla ISS, portando l'astronauta dell'ESA Luca Parmitano ed i suoi compagni di viaggio sull'avamposto orbitante dove vivranno e lavoreranno per i prossimi cinque mesi. Dalla base di Baikonur alla ISS la Soyuz TMA-09M ha impiegato appena 7 ore di viaggio, invece che i "tradizionali" due giorni, tanto che il razzo è stato ribattezzatto "superveloce". Come spiega l'ASI, "seguendo perfettamente la 'tabella di marcia', appena raggiunta l'orbita la Soyuz ha 'inseguito' la ISS effettuando 4 orbite attorno alla Terra. L'ha quindi raggiunta, posizionandosi alle sue spalle".

Durante le operazioni di avvicinamento alla ISS, Luca Parmitano è stato impegnato comecopilota fino all'aggancio col modulo russo della Stazione Spaziale, a partire dalle ore 04:17. Parmitano è il primo ingegnere di volo europeo a co-pilotare la navetta Soyuz in questa modalità di avvicinamento rapido. Dopo i classici controlli tecnici e di sicurezza, i tre astronauti sono 'sbarcati' sulla ISS (ore 06:14 italiane) accolti dall'equipaggio già sulla Stazione, e cioè dal comandante Pavel Vinogradov della Roscosmos e dagli altri membri residenti, Alexander Misurkin della Roscosmos e Chris Cassidy della NASA.

Luca Parmitano è l'astronauta dell'ESA che ha potuto volare a bordo della Stazione Spaziale Internazionale per conto dell'Agenzia Spaziale Italiana (ASI) in base ad un accordo bilaterale tra ASI e NASA. Parmitano e gli altri due astronauti partiti con lui con la Soyuz TMA-09M avranno una settimana di tempo per adattarsi alla sensazione di vivere in microgravità, dopo di che Luca ha un programma intenso per i suoi 166 giorni sull'avamposto, fino al ritorno il 10 novembre. Come è noto, la missione di Luca Parmitano è stata ribattezzata "Volare" (in origine "Expedition 36/37"), e l'astronauta non si limiterà ad operare all'interno della ISS ma diventerà protagonista delle due attività extraveicolari (EVA, Extra Vehicular Activity) previste. Sarà la prima volta per un astronauta italiano.

"E' una gioia importante, per tutto quello che è stato fatto, dall'ASI e dal nostro Paese" ha commentato a caldo Enrico Saggese, Presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana, aggiungendo: "In un momento di crisi come quello che sta vivendo il nostro Paese queste sono davvero cose che danno ottimismo". Saggese ringrazia quindi per la presenza, alla sede dell'ASI al momento del lancio della Soyuz TMA-09M, i ministri Mario Mauro e Maria Chiara Carrozza, mentre Thomas Reiter, Direttore dei Voli umani per l'ESA, sottolinea come questo sia "un giorno fantastico per l'Italia e per l'Europa".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: