le notizie che fanno testo, dal 2010

Paesi G20 finanziano Stato Islamico: UE dichiara guerra a se stessa?

L'Unione europea, in base al Trattato di Lisbona, dichiara guerra allo Stato Islamico andando in soccorso alla Francia. Ma se l'ISIS è finanziato da alcuni Paesi del G20, come dichiara la Russia, c'è il rischio che l'Unione europea dichiari guerra a se stessa.

Francois Hollande si è appellato all'articolo 42 (comma 7) del Trattato di Lisbona ed i 28 Stati membri dell'Unione europea (compresa l'Italia) "all'unanimità" hanno assicurato alla Francia "aiuto e assistenza con tutti i mezzi in loro possesso" per combattere lo Stato Islamico. In sostanza, l'Unione europea e i suoi Paesi membri, grazie (o a causa?) del Trattato di Lisbona possono ed hanno dichiarato guerra all'ISIS senza alcun voto dell'ONU. La Francia, infatti, chiede ai suoi alleati europei "una maggiore partecipazione militare" in Iraq ed in Siria. Ma a chi ha dichiarato guerra veramente l'UE? Appena ieri il presidente russo Vladimir Putin ha rivelato che lo Stato Islamico "è finanziato da 40 Paesi, e tra questi ci sono dei membri del G20". A questo punto, diventa ancor più essenziale sapere chi sono questi Paesi, soprattutto quelli appartenenti al G20. Tra questi Paesi figurano anche membri dell'Unione europea? Sarebbe infatti paradossale, se non ipocrita, scoprire che l'UE ha di fatto dichiarato guerra a se stessa.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: