le notizie che fanno testo, dal 2010

Galassie buie senza gas. Dark Energy ha preso il controllo. E Atreyu?

Le luci "si stanno spegnendo nell'Universo", questo il monito dei ricercatori del radiotelescopio Mopra in Australia ha indagato sul perché non nascano più tante stelle come un tempo. Il problema sarebbe la Dark Energy, "l'energia oscura" che ha "preso il controllo dell'Universo". E Atreyu?

Il nuovo studio australiano su stelle e galassie non può che ricordare il film fantasy europeo "per eccellenza", il vecchio e indimenticabile "La storia infinita" del 1984, dove il "Nulla" avanzando inesorabile trasforma in oscurità (in "inesistenza") ogni pezzo di Fantàsia. In un certo senso è questo che sta succedendo al nostro Universo, almeno secondo le recenti osservazioni di Robert Braun dell'Ente nazionale di ricerca CSIRO Astronomy and Space Science in Australia. Che l'Universo si stia in un certo senso "spegnendo" per la "minore" nascita di nuove stelle, lo si sa da ormai quindici anni, ma mancavano indagini sul motivo del perché questo succedesse. Lo studio degli astrofisici australiani lega la "bassa feritilità stellare" alla scarsità del prezioso ed "essenziale" idrogeno molecolare. Con il radiotelescopio Mopra (http://is.gd/ZT92Lr) presso Coonabarabran, nel New South Wales, Australia, con una parabola di 22 metri, i ricercatori hanno innanzitutto scandagliato l'Universo per capire se la "produzione" di stelle nelle galassie fosse aumentata o diminuita nel tempo. Le stelle si formano, secondo i paradigmi attuali, in nubi di idrogeno molecolare, e la presenza di questo gas sarebbe pertanto la cartina di tornasole (sole, appunto) per comprendere il ritmo delle nascite degli astri. Dai risultati pare che le galassie siano ormai "a corto di gas" (idrogeno molecolare) perché non sarebbero più in grado di catturarlo "per via gravitazionale" a causa della "energia oscura" (il "Nulla" appunto) che, ha "preso il controllo dell'Universo" come sostiene Braun. Attenzione, da non confondere la "Dark matter" (la "Materia oscura") con la "Dark energy" (l'"Energia oscura") di cui parla Robert Braun, quest'ultima è infatti una forma ipotetica di energia che "permea tutto lo spazio e tende ad aumentare il tasso di espansione dell'Universo". Il continuo espandersi dell'Universo, causato dalla "Dark energy" potrebbe rendere ancora più difficile l'approvvigionamento di idrogeno molecolare da parte della galassie e compromettere la "produzione stellare". Rispetto al passato il ritmo con cui l'Universo produce nuove stelle, sottolinea Robert Braun, sta "precipitando", mentre la maggior parte delle stelle si è formata fra 8 e 10 miliardi di anni fa, per poi comiciare il lento e sembra inesorabile declino. "Le luci si stanno spegnendo nell'Universo" avvisa il ricercatore australiano.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: