le notizie che fanno testo, dal 2010

Sony: attacco phishing, questa volta i cracker imitano CartaSì

F-Secure si accorge che nel server di Sony Thailandia si annida un sistema di phishing che si "mimetizza" con il layout del sito di CartaSì per ottenere i dati delle carte di credito. Ancora un nuovo grattacapo per Sony ad un mese dalla "Caporetto" informatica che ha paralizzato PSN e Qriocity.

I guai per Sony non sembrano terminare. Dopo il blocco di PSN (PlayStation Network) e Qriocity, causato dall'attacco di cracker (hacker negativi, senza scrupoli ed etica) che hanno rubato i dati personali di decine di milioni di utenti iscritti ai servizi del gigante nipponico, F-Secure, azienda finlandese leader nella sicurezza informatica avvisa laconicamente che il server del sito di Sony Thailandia è stato attaccato. Il server tailandese ospitava pagine di phishing che imitavano il sito di CartaSì. Ovviamente le pagine utilizzate dai cracker per la truffa informatica, avevano solamente l'aspetto del sito di CartaSì, ma con l'azienda italiana non avevano, ovviamente, nulla a che fare. Le pagine annidate nel server di Sony erano costruite per invitare l'utente ad inserire dati riguardanti la propria carta di credito, ovviamente a fini di truffa. Questo ennesimo "attacco" dei cracker a Sony non è una prosecuzione di quello che ha paralizzato, solamente un mese fa, PSN e Qriocity, ma certo rappresenta la cartina di tornasole che segnala che il gigante dell'informatica e dell'intrattenimento giapponese non vive un periodo felice, almeno dal punto di vista della sicurezza. F-Secure ha avvisato Sony e il problema sul sito tailandese pare sia stato subito risolto (http://is.gd/rfJxXM).

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: