le notizie che fanno testo, dal 2010

Siria, ONU: sia regime che ribelli crimini di guerra. Come in Libia

La Commissione di inchiesta dell'ONU rende noto il rapporto sulla Siria, rivelando che come già in Libia sia le forze del regime di Bashar al-Assad che i ribelli fedeli al regime Shabiha hanno commesso crimini di guerra e contro l'umanità. Solo che i ribelli, un poco di meno.

Diffuso il rapporto finale della Commissione di inchiesta dell'ONU sulla situazione in Siria, i cui membri dal 15 febbraio e il 20 luglio hanno indagato su cosa sta avvenendo nel Paese in guerra ormia da circa 17 mesi. Il rapporto non è certo confortante, e come fu evidenziato anche per la Libia , in Siria da mesi si stanno perpetrando crimini di guerra e contro l'umanità sia da parte del regime di Bashar al-Assad che da parte dei ribelli, fedeli al regime Shabiha. "La commissione - si legge nel rapporto - ha trovato fondati motivi per ritenere che le forze governative e gli Shabiha abbiamo commesso crimini contro l'umanità, come omicidi e torture, crimini di guerra e gravi violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario internazionale". Stando al rapporto dell'ONU di 102 pagine, però, i ribelli avrebbero sì commesso crimini di guerra ma le loro violazioni non raggiungerebbero "la gravità, la frequenza e l'intensità" di quelle effettuate dalle forze governative. Il 15 agosto, si registra inoltre l'esposione di una bomba scoppiata a Damasco, nei pressi dell'hotel Dama Rose usato proprio dagli osservatori dell'ONU, che ha causato il ferimento di tre persone. L'attentato è stato rivenicato dalle forze ribelli, che hanno spiegato che la bomba era diretta contro una riunione di militari. VIcino all'hotel, infatti, vi è anche un locale dello Stato Maggiore generale.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: