le notizie che fanno testo, dal 2010

Simona Ventura al vetriolo: "Cattelan è più bravo di Facchinetti"

Simona Ventura si sfoga su Vanity Fair e ne ha un po' per tutti. Così "Cattelan è più bravo di Facchinetti", la Balivo "ha fatto un po' troppo la furbetta del quartierino", mentre "a Sky ho rivisto la Mediaset di vent'anni fa". E il danno dell'arrivo dei "servi della politica e niente più".

Simona Ventura, in una intervista esclusiva a Vanity Fair, la prima dopo il divorzio dalla Rai, ne ha un po' per tutti. Innanzitutto parla di cultura, Supersimo, e dell'impatto che la recente gestione di Rai Due ha avuto su questo fronte. Rai Due infatti, secondo la Ventura rischia "di diventare un negozio senza clienti", una rete dove "negli ultimi due anni è stata perpetrata, a danno della rete, una vergognosa desertificazione culturale". La "desertificazione culturale" è chiaramente dovuta ad una qualità professionale che evidentemente, secondo la conduttrice, scarseggia. Dice Simona Ventura a Vanity Fair: "I veri guai arrivano quando vengono imposte persone che non sanno fare questo lavoro. Un colore politico credo che in Tv lo si possa avere: ma bisogna avere anche la professionalità. Invece, piano piano, sono arrivati gli incapaci, e anche presuntuosi: servi della politica e niente più". Pertanto non saprebbe indicare "chi è stato il migliore tra i dirigenti con cui ho condiviso questi anni" ma non ha "dubbi sul peggiore: Massimo Liofredi". L'ex direttore di Rai Due, dal 2009 a pochi giorni fa (ora è stato trasferito a Rai Ragazzi) ha diretto Simona Ventura in quelli che la conduttrice chiama i due anni di "desertificazione culturale". L'ex conduttrice di "Quelli che il calcio" ricorda anche la dipartita di Michele Santoro, altra perdita della rete: "Per Michele, paradossalmente, avere la politica contro era un bene, gli dava forza, ma a un certo punto non ce l'ha fatta più: posso capirlo". Ma ora per Simona Ventura si apre una nuova prospettiva, quella di lavorare su Sky dove rivede "la Mediaset di vent'anni fa, quella con l'entusiasmo e la voglia di capire" ora che "anche Mediaset mi sembra smarrita". Si comincia con una trasmissione collaudata, X Factor, ma con una differenza sostanziale, cioè il cambio di conduttore. Non ci sarà più "il figlio dei Pooh" per antonomasia Francesco Facchinetti, e a presentare sarà chiamato Alessandro Cattelan. "E' uno di quei giovani, come Daniele Battaglia, che in Rai sono stati penalizzati proprio perché li ho lanciati io. E invece Cattelan è più bravo di Facchinetti", rivela Simona Ventura nell'intervista a Vanity Fair. E Facchinetti? C'è una bacchettata anche per lui: "Francesco è uno capace, ma si è un po' smarrito. Succede: se hai successo da giovane, rischi di perdere la percezione delle tue reali possibilità, di non tenere i piedi per terra. Ora che sta per diventare padre, l'esperienza più bella che possa capitare a un uomo, gli auguro di ritrovare l'umiltà e l'entusiasmo di un tempo". E per riguardo l'Isola dei Famosi, che rumors vorrebero condotta da Caterina Balivo (al momento senza contratto), Simona Ventura, interrogata sul dubbio se potrebbe funzionare la conduzione, risponde: "Credo di sì. Anche se, a mio modesto parere, la Balivo ha fatto un po' troppo la furbetta del quartierino, e a furia di tirare la corda è rimasta con il cerino in mano. Però spero che trovi un posto di lavoro".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: