le notizie che fanno testo, dal 2010

Simona Ventura: a X Factor serve una casa discografica indipendente

Simona Ventura, durante la presentazione di "Quelli che il calcio e..." difende Morgan, attacca Elio e non risparmia nemmeno la Sony. "Avevo chiesto che ci fosse una casa discografica indipendente ad occuparsi unicamente di X Factor", rivela la conduttrice.

Simona Ventura, durante la presentazione di "Quelli che il calcio e..." difende Morgan, attacca Elio e non risparmia nemmeno la Sony. X Factor, per Simona Ventura, è comunque un programma che le è rimasto dentro, tanto da rivendicare il merito per il successo che ha ottenuto e continua ad ottenere. "Se il programma è diventato quello che è, il merito è soprattutto mio che ho avuto il coraggio di prenderlo dall'inizio", afferma la Ventura, giudice storico del talent show di Rai 2. Ma Simona Ventura rivela anche di non essere d'accordo sul fatto che vi sia la Sony a seguire i cantanti, perché lei aveva "chiesto che ci fosse una casa discografica indipendente ad occuparsi unicamente di X Factor". La Ventura infatti ne è convinta: "se una casa discografica lancia un cantante a settimana è ovvio che non crescono i precedenti". Sembra quindi contraddire il pensiero di Enrico Ruggeri, che sembra dare la colpa della poca attenzione delle major agli artisti emergenti a causa di chi scarica la musica da internet.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: