le notizie che fanno testo, dal 2010

Ruby: macché bunga bunga, Berlusconi mi ha dato 7mila euro

"Niente sesso" ma solo "canzoni, racconti" nella villa di Berlusconi dove Ruby, la minorenne marocchina, racconta di essere stata solo una volta. Prima di andare via Berlusconi le avrebbe regalato "una collana di Damiani" e "7mila euro in contanti", come dice al Tgcom.

La pietra dello scandalo è lei, Ruby, la ragazza di origini marocchine con un trascorso difficile alle spalle che compirà 18 anni proprio il prossimo 1 novembre. Non è ancora maggiorenne, Ruby, anche se sembra molto più grande della sua età, ed è anche per questo che si trova al centro della vicenda ormai da tutti ribattezzata come "l'inchiesta del bunga bunga".
Al Tgcom Ruby afferma di essere dispiaciuta per tutto ciò che sta sentendo e leggendo perché: "Vedo coinvolte persone che mi hanno aiutato senza chiedere niente in cambio".
"Sono stata ad Arcore solo una sera e quello che raccontano i giornali sono cazzate", afferma categorica Ruby spiegando, sempre al Tgcom, che "dietro questa storia c'è la volontà di attaccare il Presidente del Consiglio" ma che lei non c'entra proprio niente.
Secondo Ruby "l'artefice di tutto ciò è il giudice Pietro Forno" spiegando poi: "Lui non è mai stato interessato alla mia storia e alle mie vicende in comunità: voleva solo colpire il premier e per farlo mi ha usata".
Insomma, dal racconto che Ruby fornisce al Tgcom la cena a casa di Silvio Berlusconi si sarebbe svolta solo tra "canzoni, racconti" ma "niente sesso", e quindi niente bunga bunga, a quanto pare. Dell'ormai famoso "salotto a Villa San Martino con un bar, dove ci si sedeva, si beveva qualcosa, qualche volta c'era la musica" come racconta Emilio Fede nessun accenno, e nemmeno del presunto "gioco hard" che Berlusconi avrebbe copiato, come formula, da Gheddafi, come alcuni quotidiani hanno riportato citando dei verbali. A quanto pare Berlusconi, che non sapeva che Ruby fosse minorenne come lei stessa ammette al Tgcom, forse non gli ha neanche raccontato la spiritosa barzelletta che ha tanto divertito invece Noemi Letizia.
Comunque sia, Ruby sarebbe stata portata "nella villa del presidente Berlusconi il 14 febbraio" da un'amica e racconta che Berlusconi le avrebbe "dedicato una canzone" siccome "era la prima sera che mi vedeva", conclude Ruby.
Come Cenerentola verso la mezzanotte Ruby racconta di essere andata via ma che prima di andare "il premier", come dice la ragazza, le avrebbe "regalato una collana di Damiani e dato una busta".
"Mentre ero in taxi - rivela Ruby - l'ho aperta e c'erano 7mila euro in contanti" specificando non perché aveva ricevuto delle proposte o perché era una ricompesa per dei rapporti, ma semplicemente perché il Presidente del Consiglio era rimasto colpito dalla sua storia difficile. D'altronde, come ha ricordato oggi lo stesso Silvio Berlusconi da Acerra: "Sono una persona di cuore e mi muovo sempre per aiutare chi ha bisogno di aiuto".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: