le notizie che fanno testo, dal 2010

Intesa Berlusconi e Bossi: Ministeri al Nord "congelati" fino al voto

Silvio Berlusconi rassicura Umberto Bossi sul tema del "decentramento" dei Ministeri, nel senso che da Roma si vorrebbe spostarli a Milano. Se ne parlerà ma dopo il ballottaggio. Forse per capire che aria tirerà a breve al Nord.

Silvio Berlusconi torna a parlare di "scossa" durante il vertice di tre ore che si è tenuto ieri a Palazzo Grazioli, anche se non è esattamente quella promessa a febbraio scorso durante una intervista del TG1 (http://is.gd/gCJntd). La "scossa" che il premier vorrebbe dare è all'azione di governo nei prossimi due anni. E il leader del Carroccio Umberto Bossi, naturalmente presente all'incontro, si direbbe in questo in piena sintonia col premier. Un affiatamento che viene evidenziato anche affrontando un problema che sembra essere caro, di questi ultimi tempi, al Senatur, e cioè la "decentralizzazione" dei Ministeri, nel senso che da Roma vorrebbe spostarli a Milano. Almeno un paio. Silvio Berlusconi nei giorni scorsi non si era detto contrario, parlando però solo di spostamento di "dipartimenti". Ad Umberto Bossi questo di certo non basterebbe, e così il premier assicura che il tema verrà riaffrontato, ma dopo il ballottaggio di Milano e Napoli. Tutto "congelato" fino al voto, per capire probabilmente che aria tirerà al Nord tra meno di una settimana. Umberto Bossi, poi, rassicura il premier anche su un altro punto: la riforma elettorale non si farà se non d'intesa col Pdl, assicurando che "le voci di dialogo" con Massimo D'Alema sarebbero solo di corridoio.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: