le notizie che fanno testo, dal 2010

Decadenza Berlusconi, relatore Pdl in Giunta: serve parere Corte di Lussemburgo

E' iniziata la riunione della Giunta per le immunità di palazzo Madama, chiamata a decidere sulla decadenza o meno da senatore di Silvio Berlusconi. Il relatore di minoranza Andrea Augello (Pdl) pone però tre "questioni pregiudiziali" prima del voto sulla sua relazione. Angelino Alfano chiede "il rispetto della democrazia" mentre Enrico Letta si dice certo che "il Pdl non lascerà la coalizione" di governo.

E' iniziata intorno alle ore 15:00 di oggi la riunione della Giunta per le immunità di palazzo Madama, chiamata a decidere sulla decadenza o meno da senatore di Silvio Berlusconi, condannato in via definitiva per frode fiscale nell'ambito del processo Mediaset. Sabato era stato depositato in Giunta il ricorso di Berlusconi alla Corte europea dei diritti dell'Uomo, ma Felice Casson, senatore del Partito democratico, arrivando a Sant'Ivo alla Sapienza ha commentato in merito: "Il ricorso a Strasburgo non è ricevibile, perché c'è ancora un atto definitivo, e quindi bisogna aspettare quanto meno che ci sia una decisione della Giunta per presentare ricorso". All'ordine del giorno, la relazione del relatore di minoranza Andrea Augello (Pdl), che prima però ha posto tre "questioni pregiudiziali" su cui ha chiesto ai colleghi di discutere in via preventiva. I senatori della Giunta per le elezioni e le immunità dovranno quindi votare dapprima sulla possibilità di rivolgersi alla Corte di Lussemburgo (per verificare se la legge Severino viola i principi comunitari), sul ricorso alla Corte di Strasburgo già depositato da Berlusconi e sulla applicabilità della legge Severino. Solo in seguito, si potrà procedere al voto sulla relazione di Augello, che a quanto pare è composta da circa 80-90 pagine. Prima di entrare in Giunta, Stefania Pezzopane del Pd anticipa però: "Non siamo disposti a rinvii che non abbiano un senso". Benedetto Della Vedova di Scelta Civica invece predice che prima di arrivare ad una decisione, la Giunta per le immunità potrebbe discutere per settimane. Il segretario politico del Popolo della libertà, nonché vicepremier Angelino Alfano, prima dell'inizio della riunione ha chiesto nuovamente ai senatori "il rispetto della democrazia" affinché "ci siano tutti gli approfondimenti giuridici e non un giudizio sulla base di una inimicizia storica". Intanto, Enrico Letta sembra essere certo del fatto che "il Pdl non lascerà la coalizione" di governo anche se il Pd voterà per la decandenza a senatore di Silvio Berlusconi.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: