le notizie che fanno testo, dal 2010

Bondi amareggiato da parole di Stefania Craxi che sognava altra Italia

Stefania Craxi dice che "non era questa l'Italia che sognavo: derisa all'esterno e miserabile al suo interno" invitando Berlusconi a "uscire di scena nel modo giusto". Ma l'ex ministro Sandro Bondi si dice "colpito e profondamente amareggiato" da tali affermazioni.

Il sottosegretario agli Esteri, nonché figlia di Bettino, Stefania Craxi, si lacia andare a dichiarazioni che sono come una doccia fredda per il governo. Stefania Craxi, amica di vecchia data di Silvio Berlusconi, afferma infatti, in una intervista rilasciata al settimanale "A", che sarebbe ora "di aprire una stagione nuova" perché, come avrebbe detto il padre, "non era questa l'Italia che sognavo: derisa all'esterno e miserabile al suo interno". Per Stefania Craxi "Silvio deve uscire di scena nel modo giusto, non può essere travolto dal ridicolo. Deve smetterla di raccontare barzellette oscene: non gli fanno onore e non fanno ridere" affermando infine che Berlusconi "non può e non deve" finire come Bettino perché "è più forte, ha il consenso popolare, le tv e il denaro: deve andare avanti per completare il lavoro sulla giustizia - concludendo - E' la sua battaglia, ma è anche la mia". Parole che "colpiscono" e "amareggiano profondamente" Sandro Bondi, ex Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e coordinatore nazionale del Popolo della Libertà. "Spero siano uno sfogo passeggero e incontrollato, è l'aver intaccato un rapporto personale e umano, per il quale il presidente Berlusconi aveva dedicato ogni cura, attenzione e generoso affetto familiare" spiega Bondi, che conclude: "Lascio perdere le questioni politiche, che Stefania può apprezzare più di altri e che dovrebbero indurre tutti a stringersi come non mai attorno al presidente Berlusconi".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: