le notizie che fanno testo, dal 2010

Berlusconi: spread è un imbroglio. Fui io a dire no a Fiscal Compact

Silvio Berlusconi svela il grande imbroglio dello spread e sottolinea che questo è stato usato "per abbattere un governo e fargli perdere la maggioranza". Dalla Germania di Angela Merkel, naturalmente.

Silvio Berlusconi comincia la propria campagna elettorale, e ravviva (finalmente) il clima politico che dall'ascesa di Mario Monti a Palazzo Chigi era caratterizzato dalla "calma piatta". Berlusconi comincia a sfoderare le sue armi, parlando direttamente al cittadino medio italiano, cioè quello televisivo. A La Telefonata di Maurizio Belpietro, il Cavaliere esordisce, per rendere chiaro a tutti quello che era chiaro già un anno fa ai pochi, e cioè che "lo spread è un imbroglio" e spiega: "Cosa ci importa degli interessi sui nostri titoli rispetto a quelli sui bund tedeschi? Siamo andati avanti da quando c'è l'euro a pagare il 4,3 per cento, la Germania il 3,3 per cento. Poi la Germania ha deciso di fare una cosa nel suo interesse ordinando di vendere tutti i titoli del tesoro italiani, a quel punto i fondi americani e internazionali hanno pensato che se la Germania vende, ci sarà sotto qualcosa e hanno iniziato a vendere anche loro. Gli investitori dunque per investire nel nostro debito pubblico e in quello dei paesi 'cicala' hanno ritenuto di chiedere un premio per il rischio, anche solo teorico, che correvano chiedendo il 14% alla Grecia, il 7 al Portogallo ed il 6 a noi. La Germania ha approfittato di questo e forte del suo debito sovrano solido ha abbassato i tassi all'1% - ribadendo - Ma a noi cosa importa?". Silvio Berlusconi sottolinea quindi come "tutto quello che è stato inventato sullo spread è un imbroglio usato per abbattere un governo e fargli perdere la maggioranza". L'ex premier ridisceso nuovamente in campo fa notare poi che "l'anticipo delle elezioni dovute alle dimissioni di Monti è risibile: si tratta di poco più di un mese. Quindi non c'è assolutamente una ragione vera perché i mercati si debbano agitare". Una constatazione che trova d'accordo persino la cancelliera Angela Merkel che precisa come fosse "già chiari" che ci sarebbe stato un voto a primavera e che la caduta del governo Monti anticipa le elezioni solo "un po' prima". La Germania della Merkel, però, non ci sta a passare da "grande manovratore" dell'Unione Europea e dei mercati, tanto che il ministro degli Esteri Guido Westerwelle afferma che il suo Paese non sarà "oggetto di una campagna elettorale populista", chiarendo che "né la Germania né l'Europa sono causa delle difficoltà attuali dell'Italia". Silvio Berlusconi ribatte però ricordando: "Io ero tra i due o tre capi di Stato più autorevoli, mi opponevo con continuità alle proposte tedesche e ho detto di no quando la signora Merkel chiedeva che alla Grecia fossero imposte delle riduzioni che l'avrebbero portata, come pensavo e come poi è stato, quasi alla guerra civile. Ho detto di no quando si è parlato di Tobin Tax. Ho detto di no quando si è trattato di far calcolare alle banche i titoli del debito pubblico posseduti non al valore di rimborso ma del secondo mercato, costringendole a patrimonializzarsi di più. Ho detto di no quando si è parlato del Fiscal Compact e ho persino messo il veto, sospendendo il consiglio dei capi di Stato e di governo, per far presente che l'Italia non poteva assumersi una riduzione del debito di 50 miliardi all'anno, anche perché il nostro debito non era, e non è, del 125 per cento rispetto al Pil perché il nostro Pil va calcolato sommando a quello emerso anche quello sommerso, cosa che invece l'Europa non fa". Sarà quindi forse per tutte queste ragioni che Angela Merkel è "convinta che gli elettori italiani voteranno in modo tale da garantire che l'Italia resti sul cammino giusto". Ma forse, il voto degli elettori non servirà nemmeno, visto che lo stesso Angelino Alfano sostiene che Mario Monti "sarebbe senz'altro un prestigiosissimo Presidente della Repubblica". Il primo a non essere mai stato eletto dai cittadini nel corso della sua carriera politica.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: