le notizie che fanno testo, dal 2010

Berlusconi: mi sto chiedendo se ricandidarmi. Montezemolo? Un moderato

Silvio Berlusconi smentisce che "il Pdl è un partito finito" ma sul fatto che possa ricandidarsi rimane sul vago. Riguardo Montezemolo, è convinto del fatto che sia un moderato, come quella "federazione per l'Italia" che sogna di realizzare.

Dopo aver respinto le dimissioni di senatore Sandro Bondi, che intendeva dimettersi da coordinatore del Pdl per sottrarsi "ad attacchi e denigrazioni personali che fanno parte della peggiore politica", Silvio Berlusconi smentisce da Bruxelles le indiscrezioni riportate oggi su repubblica.it , a margine di un incontro con il Partito Popolare Europeo.
"Repubblica è un giornale che fa politica, ostile a noi" sottolinea immediatamente Berlusconi, precisando quindi che "le cose scritte da Repubblica sono false visto che tutto quello che hanno scritto stamattina in relazione al nostro movimento è falso e non c'è nulla all'interno del nostro partito che corrisponde alla situazione dipinta da Repubblica compreso ciò che ha scritto su Alfano".
Silvio Belusconi conferma invece che le prossime "novità" annunciate da Angelino Alfano , spiegando che "al momento nel Pdl stiamo ragionando su cosa fare per affrontare la situazione così come si è delineata dopo le ultime elezioni amministrative - chiarendo - che però conoscevamo già, non ci ha colto di sorpresa".
Berlusconi ribadisce che l'obiettivo del Pdl è quello di "costruire in Italia il Partito Popolare Europeo e quindi una formazione, chessò una federazione per l'Italia, in cui si riconoscono tutti gli italiani che non si riconoscono nella sinistra" perché, aggiunge, "i moderati sono la maggioranza del Paese dal '48 ad oggi. Ma se si dividono non lo sono più. E vince la sinistra che è unita durante le elezioni e poi è divisa tutto il tempo".
Il grande errore del centrodestra, ammette Silvio Berlusconi, è l'essersi presentato da solo alle amministrative, per colpa però degli alleati (Lega Nord) che hanno voluto correre da soli.
Berlusconi non lo dice, ma sembra lasciare intendere che non gli dispiacerebbe vedere tra i sui moderati anche Luca Cordero di Montezemolo, che ha appena annunciato una possibile discesa in campo di ItaliaFutura alle politiche del 2013.
Ma come Montezemolo, Berlusconi glissa sulla leadership nel "nuovo" Popolo della libertà, e chi gli chiedeva se si ricandiderà alla prossima tornata elettorale risponde sibillino: "Questo me lo domando anche io".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: