le notizie che fanno testo, dal 2010

Berlusconi interim: habemus ministrum (quasi)

Silvio Berlusconi lascia a malincuore l'interim del Ministero dello Sviluppo dove ha lavorato come sempre duramente firmando oltre 300 provvedimenti, anche per tutto il mese di agosto. La prossima settimana sottoporrà "al Capo dello Stato il nome di un nuovo Ministro dello Sviluppo".

Silvio Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri, forse sollecitato dal "passare una voce" del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che ieri aveva fatto il giro dei telegiornali e delle note politiche, pubblica una nota politica che annuncia che la prossima settimana sottoporrà "al Capo dello Stato il nome di un nuovo Ministro dello Sviluppo".
La dichiarazione del Presedente Silvio Berlusconi inizia con piglio sicuro: "Vedo che da più parti si chiede la nomina di un nuovo Ministro per lo Sviluppo, sostenendo che sino ad ora ci sarebbe stato un vuoto in questa funzione - e spiega - Mi permetto di garantire che il mio 'interim' non è stato un vuoto, ma 'un pieno', un vero e proprio pieno di decisioni e di provvedimenti e che il dicastero di Via Vittorio Veneto è stato ed è nelle mani di una delle istituzioni più autorevoli del Paese, quella del Presidente del Consiglio".
Infatti il Presidente del Consiglio ci tiene a sottolineare: "Sono stati più di 300 i provvedimenti che hanno recato la mia firma, anche per tutto il mese di agosto. Voglio citarne uno: la cosiddetta legge Berlusconi inserita nella Manovra, una norma che comporta una vera rivoluzione liberale del nostro sistema di rapporti con la Pubblica Amministrazione".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: