le notizie che fanno testo, dal 2010

Berlusconi e "passioni senili", Arcigay: scuse a gay e donne

Silvio Berlusconi dice: "Meglio guardare una bella ragazza che essere gay". L'Arcigay chiede le immediate scuse a omosessuali e donne perché è "inaccettabile che un capo di Governo faccia emergere un atteggiamento machista e volgare" per le sue "passioni senili".

Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi fa quella che per molti non sembra essere stata una battuta felice: "Ogni tanto mi capita di interrompere il mio lavoro e se qualche volta mi capita di guardare in faccia una bella ragazza... meglio guardare una bella ragazza che essere gay". Immediatamente l'Arcigay, attraverso una nota del suo presidente Paolo Patanè chiede "immediate le scuse ufficiali al Capo di Governo ed auspica un incontro che faccia chiarezza per una frase che offende gli omosessuali, le loro famiglie e i loro amici insieme e, nella sua concezione utilitaristica, tutte le donne".
L'Arcigay sottolinea come sia "inaccettabile che un capo di Governo, in una situazione di palese difficoltà a causa delle sue passioni senili, faccia emergere un atteggiamento machista e volgare con una dichiarazione del tutto priva di senso dell'opportunità che chiama in causa gay, lesbiche e trans".
Inoltre Patanè fa sapere che l'Arcigay non è disponibile "a diventare il capro espiatorio di un Presidente del Consiglio debole e che, con la sua dichiarazione, dimostra di appartenere ad una cultura trapassata".
"Il modo di rappresentare le Istituzioni di Silvio Berlusconi non fa onore all'Italia e la sua rozzezza da macho latino è tra le cause del clima grottesco che vive il Paese", conclude Paolo Patanè.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: