le notizie che fanno testo, dal 2010

Berlusconi dice matto a Sarkozy? Macché, solo ai giornalisti

Silvio Berlusconi direbbe al premier rumeno Traian Basescu che ad essere "matto" non è Nicolas Sarkozy ma bensì i giornalisti italiani. Quindi, nessun incidente diplomatico, d'altronde ad essere stata offesa è solo la stampa.

Il premier Silvio Berlusconi ha abituato l'Italia al suo modo di gesticolare e approcciarsi in maniera alle volte "poco convenzionale" durante i tanti summit internazionali cui partecipa. Barzellette, corna, battute forse fuori luogo e questa volta a far parlare, se non il mondo intero almeno la Francia e la Romania, è stato il gesto del dito (indice) che picchiettato sulla tempia sta ad indicare "questo" o "questi" sono "pazzi".
Berlusconi è stato immortalato mentre faceva questo gesto durante l'ultimo vertice NATO a Lisbona colloquiando con il premier rumeno Traian Basescu appena "mollato" dal Presidente francese Nicolas Sarkozy.
Basescu infatti, prima di avvicinarsi e parlare con Berlusconi, ebbe un breve scambio di battute con Sarkozy. In apparenza, non essendoci l'audio del filmato, sembra che Sarkozy liquidi velocemente Basescu come se non volesse avere niente a che fare con lui e molti media hanno ipotizzato che un motivo potrebbe essere la politica del presidente francese nei confronti dei Rom.
Traian Basescu allora si unisce al gruppo con cui sta dialogando Silvio Berlusconi e quasi immediatamente il premier italiano fa il gesto, più volte ripetuto, che indica che "qualcuno è pazzo". La stampa allora ipotizza che forse Berlusconi si stava riferendo proprio a Sarkozy, il che vorrebbe dire incidente diplomatico assicurato.
Ma a spiegare come sono andate in realtà le cose ci pensa lo stesso premier rumeno Basescu in un'intervista: "Con Berlusconi parlavo di certi articoli su di lui usciti sulla stampa, e mi diceva: 'Dio, sono matti' - specificando che Berlusconi - non ha fatto alcun riferimento a Sarkozy" anche perché non ci sarebbe stato nessun litigio e l'incomprensione potrebbe essere nata dal fatto che "entrambi gesticoliamo molto quando parliamo".
Mistero risolto e nessun altra indignazione, d'altronde il Presidente del Consiglio italiano avrebbe affermato "solo" che ad essere "matti" sono i giornalisti.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: