le notizie che fanno testo, dal 2010

Berlusconi Ruby: foto del bunga-bunga con il premier nudo

Sembra che in queste ore stiano circolando, per essere piazzate sul mercato di riviste specializzate nel settore, alcune fotografie "del bunga bunga" che ritrarrebbero Silvio Berlusconi anche "senza vestiti e circondato da ragazze". Ghedini: se esistono sono fotomontaggi.

Il Fatto Quotidiano rivela che esisterebbero delle foto "compromettenti" del premier Silvio Berlusconi anche "ritratto senza vestiti e circondato da alcune ragazze" (http://tinyurl.com/6fydfca). Le foto del bunga bunga, come le definiscono Antonella Mascali e Gianni Barbacetto nell'articolo, sarebbero già "sul mercato, valgono tantissimo" e viene spiegato che "il Presidente del Consiglio sa dell'esistenza di queste immagini e trema".
Sembra che ci sia già stato un tentativo di "piazzare" le foto e pare che "in queste ore sono in corso trattative fra agenzie specializzate e alcuni settimanali". A trattare sarebbero intermediari di una delle tante ragazze che hanno partecipato alle feste di Arcore. Solo ieri il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta, durante la sua audizione al Copasir, aveva sostenuto che Berlusconi non è ricattabile per queste "cene" di Arcore. I legali di Berlusconi, invece, specificano che se queste foto esistono realmente "sarebbero da ritenersi sicuramente e palesemente false, frutto di montaggi o di manipolazioni non essendo possibile che il presidente Berlusconi si sia mai trovato nelle situazioni descritte" tanto che Niccolò Ghedini e Piero Longo sembra che abbiano già presentato denuncia contro ignoti all'autorità giudiziaria competente e al garante della Privacy.
Queste foto, comunque, non sembrano essere le stesse acquisite dalla Procura di Milano, che lo stesso procuratore capo Edmondo Bruti Liberati specifica essere "irrilevanti" ai fini dell'inchiesta.
Quel che è certo è che se, invece, le fotografie che circolano nel mercato del gossip risultassero vere forse cambieranno "la storia politica del Paese", citando i due giornaliti de Il Fatto Quotidiano.