le notizie che fanno testo, dal 2010

Berlusconi: "Monti è troppo osservante delle ingiunzioni tedesche"

Silvio Berlusconi contro Mario Monti con argomentazioni che sembrano prese dal "No Monti Day". Si va dalla "sospensione della democrazia" all'"indicazione per chiamata e non per elezione" sino alla troppa "osservanza" di Mario Monti delle "ingiunzioni tedesche". Un Silvio Berlusconi di nuovo alla carica che potrebbe far cadere il Governo Monti per andare ad elezioni a Febbraio.

Silvio Berlusconi torna protagonista della politica italiana "minacciando" quello che si potrebbe definire uno "sparigliamento". L'ex premier in conferenza stampa a Villa Gernetto, il giorno dopo la condanna a 4 anni per "frode fiscale" annunciata dal tribunale di Milano, torna alla carica. La premessa di Berlusconi è quella che non si presenterà come candidato Premier "in modo da facilitare l'alleanza di tutti i moderati in un unico rassemblement". Ma non si tratta di un passo indietro, come avevano pensato alcuni osservatori politici, ma di un passo avanti, che potrebbe coinvolgere, prima di tutto, le sorti del Governo Monti. Parole pesanti quelle di Silvio Berlusconi contro Monti che hanno scosso uno status politico che cominciava, serenamente, già a calcificarsi. "Dobbiamo mettere nella bilancia da un lato il fatto che le iniziative del governo stanno portando il Paese in una spirale recessiva e dall'altro il fatto che con la sfiducia al governo si avrebbe una situazione che potrebbe essere interpretata in un modo dal mondo della finanza e che si anticiperebbe di poco la data delle elezioni - afferma Silvio Berlusconi -. Nei prossimi giorni, decideremo se sia meglio togliere immediatamente la fiducia al governo o conservarla, data la prossima scadenza del governo e l'arrivo delle elezioni". I rapporti tra Mario Monti e Silvio Berlusconi sembrano quindi arrivati al punto di rottura, tanto che a Villa Gernetto l'ex premier tuona: "Se Monti crederà di voler partecipare alle elezioni e farsi eleggere con l'attuale legge a candidato premier potrà farsi eleggere ma non credo che dopo questa sospensione della democrazia ci sia ancora lo spazio per una indicazione per chiamata e non per elezione". Parole quasi da "No Monti Day" avrà pensato qualcuno. E nell'analisi sul Premier tecnocrate non poteva non entrare la galassia europea dei suoi "alleati". Osserva Berlusconi: "La Germania ha forzato il Consiglio dei capi di governo ad alcune decisioni che io non ho mai condiviso. Mi sono posto per molto tempo in una situazione di contraddittorio nei confronti della Germania e della Francia. Così è successo che si è portata avanti un'iniziativa di deterioramento della mia immagine, come dimostrano i sorrisi di Merkel e di Sarkozy che sono stati come un tentativo di assassinio della mia credibilità. A questo si è aggiunto il comportamento delle banche tedesche che hanno imposto di vendere titoli del debito pubblico italiani in loro possesso". La sintesi del fondatore di Forza Italia è quindi la seguente: "Il governo Monti é troppo osservante delle ingiunzioni tedesche, l'austerity non serve a ridurre il debito pubblico, lo dicono vari premi Nobel". Alcuni analisti pensano che Silvio Berlusconi e lo stato maggiore del PDL possa far cadere il Governo Monti tra breve per andare alle elezioni in Febbraio.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: