le notizie che fanno testo, dal 2010

Berlusconi: Lei è quello cattivo? E pm chiede sospensione prescrizione

Silvio Berlusconi apostrofa il pm Fabio De Pasquale, che rappresenta l'accusa durante il processo Mediaset, dicendo: "Lei è quello cattivo". Il pm invita il premier a "contenersi", e intanto chiede ai giudici la sospensione dei termini di prescrizione del processo.

Ieri il processo Mediaset. Per la prima volta il premier si è presentato ad una udienza, non rilasciando nessuna dichiarazione spontanea durante il dibattimento ma non mancando di ricordare, a margine, che c'è "una magistratura che lavora contro il Paese non per il Paese". Secondo il premier i giudici sarebbero "attenti e scupolosi" spiegando che "da questo collegio ci si possa attendere un giudizio sereno e obiettivo". Silvio Berlusconi sembra invece avere un'opinione diversa del pm che rappresenta l'accusa durante questo processo sui diritti tv di Mediaset, che vede il premier imputato per frode fiscale. Lasciando l'aula, dopo il dibattimento, Berlusconi infatti si avvicina al pm Fabio De Pasquale apostrofandolo con un "Lei è quello cattivo". Pronta la replica di De Pasquale, che invita il premier a "contenersi". "Si contenga lei con le accuse" avrebbe controribattutto Berlusconi, anche se l'ultima parola, con tanto di quella che sembra essere una frecciata, l'ha avuta il pm con "Le accuse sono il mio lavoro, le battute no". Un lavoro che il pm De Pasquale sembra voglia portare a compimento fino in fondo, tanto da aver chiesto al collegio giudicante la sospensione dei termini di prescrizione del processo, anche perché il tempo sembra scorrere più velocemente per il fatto che le udienze si possono fissare solo il lunedì. E infatti la prossima udienza del processo Mediaset è stata fissata lunedì 13 giugno, e allora si saprà anche se i giudici accoglieranno la richiesta del pm.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: