le notizie che fanno testo, dal 2010

Berlusconi: DDL intercettazioni forse lo ritiro. E annuncia "grande riforma della giustizia penale"

Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi afferma che "è tentato di ritirare" il DDL intercettazioni, visto che la legge "è stata massacrata". E annuncia una "grande riforma della giustizia penale" a cui si dedicherà "con determinazione nei prossimi anni di governo".

Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi interviene durante la Conferenza degli ambasciatori alla Farnesina, affermando che "è tentato di ritirare" il DDL intercettazioni, visto che per il premier la legge "è stata massacrata".
Sarebbe un vero colpo di scena se dalle parole si passasse ai fatti, visto che l'iter inizierà domani alla Camera, con la discussione generale.
Il PD ne sarebbe felice, come afferma deputato Ettore Rosato: "Non è mai troppo tardi e il ravvedimento di Berlusconi è solo da apprezzare". Anche per l'Italia dei Valori, Berlusconi "prima ritira la legge bavaglio è meglio è per tutti".
Non della stessa opinione i finiani, che attraverso Fabio Granata fanno sapere che dopo aver "fatto correzioni in senso riformista e a questo punto eravamo pronti a votarlo".
Ma al Convegno Berlusconi non si è limitato a parlare del DDL intercettazioni e di quanta poca libertà c'è in Italia di parlare al telefono.
Silvio Berlusconi ha infatti annunciato che presto presenterà una "grande riforma della giustizia penale", a cui si dedicherà "con determinazione nei prossimi anni di governo e di legislatura".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: