le notizie che fanno testo, dal 2010

Aumento IVA 1 ottobre 2013, Berlusconi: mai complici. Ministri PDL si dimettono

Silvio Berlusconi in una nota chiarisce che "l'ultimatum di Letta sull'aumento dell'Iva è irricevibile e inaccettabile. Costituisce una grave violazione dei patti di governo". L'aumento dell'IVa scatterà infatti dal 1 ottobre 2013, e per questo i ministri del PDL si sono tutti dimessi. La crisi di governo è aperta.

"L'ultimatum di Letta sull'aumento dell'Iva è irricevibile e inaccettabile. Costituisce una grave violazione dei patti di governo" afferma in una nota Silvio Berlusconi, spiegando: "La decisione assunta ieri dal presidente del Consiglio dei ministri Enrico Letta, di congelare l'attività di governo, determinando in questo modo l'aumento dell' IVA è una grave violazione dei patti su cui si fonda questo governo, contraddice il programma presentato alle Camere dallo stesso premier e ci costringerebbe a violare gli impegni presi con i nostri elettori durante la campagna elettorale e al momento in cui votammo la fiducia a questo esecutivo da noi fortemente voluto". L'aumento dell'IVA, infatti, scatterà il 1 ottobre 2013, passando dal 21% al 22%. Per questo motivo, Silvio Berlusconi ha "invitato la delegazione del PDL al governo a valutare l'opportunità di presentare immediatamente le proprie dimissioni - sottolineando - per non rendersi complici, e per non rendere complice il Popolo della Libertà, di una ulteriore odiosa vessazione imposta dalla sinistra agli italiani". Poco dopo, il segretario politico del PDL (ormai Forza Italia) Angelino Alfano ha "ufficializzato le dimissioni di tutti i ministri del Popolo della libertà". A questo punto, la crisi di governo è aperta. E la caduta sembra imminente.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: