le notizie che fanno testo, dal 2010

Ambra Battilana e Chiara: i "bignè" e la "perversione" di Berlusconi

Bisognava "portare ad Arcore quel bignè" e così è stato. I "bignè" in questione sarebbero Ambra Battilana e Chiara Danese, le due 18enni "portate" a Villa San Martino da Emilio Fede, stando al loro racconto. Il legale di Ambra e Chiara spiega poi che "Berlusconi ha un rapporto sbagliato con le donne".

Bisognava "portare ad Arcore quel bignè", anzi quei due "bignè", e così è stato. I "bignè" in questione sarebbero Ambra Battilana e Chiara Danese, le due 18enni "portate" a Villa San Martino da Emilio Fede, stando alle testimonianze delle due ragazze. Ambra e Chiara raccontano di una serata che di elegante sembra avere davvero poco, se non niente. Barzellette oscene, una statuetta di Priapo a cui le ragazze invitate dovevano baciare (per usare un eufemismo) i marmorei organi genitali, spogliarelli e lap dance dove chi si "esibiva" toccava e si faceva toccare da Silvio Berlusconi. E' questo, in poche parole, quanto Ambra Battilana e Chiara Danese raccontano di aver visto quella sera del 22 agosto 2010 ad Arcore. Stando alle ultime intercettazioni pubblicate su Repubblica.it (http://is.gd/L4biUe), Emilio Fede avrebbe invitato Ambra e Chiara anche per cercare di "togliere di torno" Roberta Bonasia, che a quanto pare era troppo legata a Berlusconi. E nonostante Ambra e Chiara non abbiano accettato il "bunga bunga" (sembra che i tabulati telefonici confermino il racconto delle due ragazze, ad un certo punto andate via da Arcore accompagnate da Emilio Fede), pare che il premier abbia comunque apprezzato la presenza delle due giovani, soprattutto quella di Ambra Battilana. "Sappiamo che uno dei venti uomini più potenti del mondo ti muore dietro e ti ha pensato tutta la sera. Come ti senti..." avrebbe infatti scritto ad Ambra il suo manager Daniele Salemi, come riporta sempre Repubblica.it Per i pm che seguono il processo Ruby le "improvovvise" testimonianze di Ambra e Chiara sono "importanti per il contesto, perché supportano il quadro accusatorio". Il legale di Ambra Battilana e Chiara Danese è la senatrice dell'IdV Patrizia Bugnano che durante la trasmissione la Zanzara di Radio 24 afferma: "Berlusconi ha un rapporto sbagliato con le donne; poteva avere tutte le donne che voleva ma con svolgimenti di rapporti normali, non così perversi e oltre le righe. Al di là di quello che hanno detto Chiara ed Ambra credo si possa parlare tranquillamente di perversione" (L'Unità - http://is.gd/rmjfEO).

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: