le notizie che fanno testo, dal 2010

Scarlett Johansson foto rubata: colpevole trovato grazie ad Hackerazzi

Scarlett Johansson un giorno o l'altro potrà guardare negli occhi chi l'ha esposta a sguardi indiscreti sul web. Grazie all'operazione "Hackerazzi" dell'FBI è stato fermato il presunto hacker che avrebbe violato lo smarthphone dell'attrice, ma forse anche di qualche altra diva del "piccolo monitor".

Il mondo digitale e la "realtà virtuale" stanno modificando il mondo che conoscevamo, soprattutto quello dei giovani e del loro vivere quotidiano. Quasi "una mutazione antropologica" diceva Papa Benedetto XVI qualche giorno fa, ricordando che "il progresso tecnico, segnatamente nel campo dei trasporti e delle comunicazioni, ha reso la vita dell'uomo più confortevole, ma anche più concitata, a volte convulsa" (http://is.gd/QCiM10). Chissà che cosa ne pensano le dive di Hollywood del "mondo informatico" quando si ritrovano con i propri scatti intimi nel giro "eterno" dei social network. Questa, come osserva il filosofo Ernest Kattens è una delle drammatiche differenze tra l'essere dive del "grande schermo di una volta" e l'essere "celebrità del piccolo monitor della contemporaneità", riferendosi al mondo degli smartphone o dei tablet che ormai invadono la nosta vita sociale. Foto che non dovrebbero mai uscire dai propri armadi, oggi, con un piccolo "gesto informatico", potrebbero fare il giro per il mondo in pochi secondi, come hanno dimostrato gli scatti di Scarlett Johansson. Ma l'attrice di "Lost in Translation - L'amore tradotto" non è la prima ad essere vittima di intrusioni in cerca di foto imbarazzanti. Le prime foto "rubate" a girare per il web erano state le immagini e i video del telefonino di Paris Hilton, ma anche Christina Aguilera, Vanessa Hudgens, Miley Cirus, Kanye West, Jessica Alba e molte altre star avrebbero segnalato intrusioni sui propri computer e smartphone. Ma ovviamente le foto più famose di questo ultimo periodo e che hanno fatto salire alle stelle gli accessi dei siti che le hanno ripubblicate, sono state sicuramente quelle di Scarlett Johansson, talmente "posate" e quasi "patinate" da far pensare ad un possibile "rilancio" pubblicitario dell'artista. Ma le foto della Johansson sembra fossero davvero degli autoscatti e un "hacker", ora pizzicato dall'FBI, sarebbe il colpevole del loro caricamento sui social network. L'operazione dell'FBI che ha permesso l'arresto del cracker (è infatti questo il termine giusto) ha un nome emblematico e curioso, si chiama infatti "Hackerazzi", facile intuire la fusione tra le parole "hacker" e "paparazzi". Il presunto colpevole di 21 capi di imputazione, che vanno da violazione di sistemi informatici a furto d'identità (che se tutti confermati gli costerebbero 121 anni di carcere) è Christopher Chaney, di 35 anni, arrestato a Jacksonville in Florida.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: