le notizie che fanno testo, dal 2010

Movimento Pastori, Maria Barca: "Questo processo riguarda tutti noi"

I 300 pastori sbarcati a Civitavecchia sono "tutti" a processo, anche se alla sbarra ce ne sono solo tre. Maria Barca, portavoce del Movimento Pastori Sardi aggiorna il web sulla vicenda.

La giovane portavoce del Movimento Pastori Sardi, Maria Barca, in un post sul blog ufficiale aggiorna il web sul processo che vede coinvolti tre pastori sardi per quelli che sono ormai noti come "i fatti di civitavecchia" . In un momento in cui nuovamente si dibatte come mettere il "bavaglio" alla stampa (compresi blog e qualsiasi sito) e che la "continuità territoriale" da e per la Sardegna potrebbe essere a "sfavore" degli emigrati sardi, le parole di Maria Barca sono oltremodo importanti. Importanti perché sono una voce fuori dal coro in un Paese che pare oggi completamente indifferente qualsiasi accadimento. Un Italia in cui la mitridatizzazione dei cittadini è forse arrivata al massimo grado.

I tre pastori alla sbarra sembrano quindi una "sineddoche" per indicare tutto il Movimento Pastori, e forse la Sardegna tutta. Scrive Maria Barca nel post del 16 ottobre: "Ciò che mi sento di dire, anzi, è doveroso dire che se è anche vero che sono tre i nomi chiamati a giudizio, sono convinta che questo processo riguarda tutti noi. Riguarda tutte le trecento persone che il 28 dicembre 2010 sbarcavano al porto di Civitavecchia. Siamo tutti giudicati. Perché né Priamo, né Andrea, né Felice hanno responsabilità diverse dal resto del gruppo, non hanno fatto niente di diverso da ciò che hanno fatto gli altri 297. Riguarda tutto il Movimento pastori sardi, anche quelli che non erano presenti, ma hanno delegato, per un giorno, la rivendicazione dei loro diritti". Continua ancora la portavoce dell'MPS: "Riguarda tutti i sardi che credono nella libertà perché, come sosterrò per sempre, quel giorno questo fondamentale diritto è venuto meno per tutti. Se condividete questo, se condividete il valore supremo della libertà; allora oggi ricordate che tre di noi saranno giudicati perché hanno, insieme ad altri 297, tentato di difendere la libertà".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# blog# Civitavecchia# Italia# libertà# Paese# Sardegna# voce# web