le notizie che fanno testo, dal 2010

Elezioni regionali Sardegna 2014, Cappellacci: Murgia come la Concordia

Si avvicinano le elezioni regionali in Sardegna (data 16 febbraio 2014). Ugo Cappellacci non ci sta ad essere definito lo "Schettino della politica" e a Michela Murgia replica: "Lei è la Costa Concordia, come stazza ci siamo, affonderà di sicuro e poi è solita fare gli inchini agli armatori. Lei strizza l'occhio alla Moby e la Moby strizza l'occhio alla Murgia".

Ancora una volta, il dibattito politico scade in battute davvero poco eleganti, soprattutto se rivolte ad una signora. Mancano pochi giorni alle elezioni regionali in Sardegna (data 16 febbraio 2014) , e questa volta a rendersi protagonista di una battuta davvero poco garbata è il governatore della Sardegna Ugo Cappellacci, che replica alla candidata di ProgReS: "Michela Murgia ha detto che io sono lo Schettino della politica? Lei è la Costa Concordia della politica, perché come stazza ci siamo, affonderà di sicuro e poi è solita fare gli inchini agli armatori". Durante una intervista nel programma di Radio 2 Un giorno da Pecora, Ugo Cappellacci quindi affonda: "Mi sembra che Michela Murgia è vicina ad un armatore, il quale è vicino alla sinistra, un armatore di una compagnia che mi pare si chiami Moby. Lei strizza l'occhio alla Moby e la Moby strizza l'occhio alla Murgia". Ma la verve di Cappellacci è proseguita anche quando i conduttori del programma gli hanno chiesto di cantare un pezzo di Julio Iglesias, visto che il nonno del governatore, Carlo Meloni, è stato non solo uno dei 18 uomini politici chiamati a scrivere lo Statuto Sardo ma anche il primo sindaco della città di Iglesias del dopoguerra. Ugo Cappellacci ha quindi intonato "Se mi lasci non vale" ma a Michela Murgia ha dedicato un'altra canzone, spiegando: "Visto che secondo me lei è la Costa Concordia della politica, considerata anche la sua stazza, gli dedico Finchè la Barca Va".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: