le notizie che fanno testo, dal 2010

Alcoa: Portovesme chiude definitivamente. Dov'è impegno del governo Renzi?

L'Alcoa annuncia che verrà chiuso definitivamente lo smelter di alluminio primario a Portovesme (Carbonia-Iglesias) in Sardegna perché "le ragioni fondamentali che hanno reso l'impianto non competitivo, purtroppo, non sono cambiate" afferma Bob Wilt, presidente dell'Alcoa. Dal governo Renzi nessun segnale politico, nonostante una mozione del PD che impegnava l'esecutivo a sostenere la ripresa della produzione dell'Alcoa di Portovesme.

Alcoa annuncia oggi che intende chiudere definitivamente il suo smelter di alluminio primario a Portovesme (Carbonia-Iglesias) in Sardegna. La produzione di alluminio era già stata fortemente ridotta a partire dal novembre 2012, poiché lo smelter di Portovesme aveva cominciato ad avere costi troppo alti e per l'Alcoa l'impianto non era più competivo. Bob Wilt, presidente dell'Alcoa Global Primary Products, ribadisce in una nota: "Le ragioni fondamentali che hanno reso lo smelter di Portovesme non competitivo, purtroppo, non sono cambiate. - assicurando - Continueremo a rispettare gli impegni assunti per i nostri dipendenti e i nostri azionisti". I circa 500 dipendenti dell'Alcoa, in cassa integrazione, stanno presidiando da ormai diverse settimane l'impianto di Portovesme in attesa di un segnale politico, che non è arrivato. Eppure, a fine maggio il Senato aveva approvato all'unanimità (con 195 sì) una mozione del PD finalizzata a sostenere la ripresa della produzione dell'Alcoa di Portovesme e che impegnava il governo Renzi ad assumere ogni iniziativa tesa a sostenere le attività imprenditoriali della Regione Sardegna per impedire che siano perdute competenze maturate nel settore industriale.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: