le notizie che fanno testo, dal 2010

Sarah Scazzi: le lettere di Misseri aprono nuovi scenari?

Michele Misseri scrive due lettere, una a Sabrina e una a Valentina. Parole in un "italiano approssimativo ma sufficientemente decifrabile" che i legali di Sabrina ritengono fondamentali, anche in vista di una nuova richiesta di scarcerazione della ragazza.

Michele Misseri ha scritto, prima di Capodanno, alle figlie Sabrina e Valentina. Stando a quanto riferito ieri sera, durante la trasmissione "Quarto Grado" di Rete 4, l'avvocato Daniele Galoppa non era a conoscenza del fatto, e quindi tantomeno del contenuto delle missive. Sapevano invece delle lettere, almeno quella scritta a Sabrina Misseri, gli avvocati della ragazza, tanto che l'interrogatorio di Michele è stato da loro richiesto proprio per chiarire alcuni punti riguardanti queste lettere.
"Forse qualcuno pensava - spiega ai giornalisti l'avvocato Franco Coppi, legale di Sabrina - che noi saremmo venuti qui a sentire la quinta, sesta, decima versione, ma sin dal primo momento avevamo interesse solo a una verifica di questa lettere". (la Repubblica - http://tinyurl.com/4dbc9wf).
"Noi avevamo interesse a far riconoscere alcune lettere di questo signore spedite alle figlie. L'indagato ha riconosciuto come sue queste lettere, ha ammesso che non sono frutto di minacce o di pressioni o dell'intenzione di favorire questo o quello. L'interrogatorio è finito qui" continua Coppi.
"Le due lettere - ha proseguito Coppi - composte da due-tre paginette, scritte in un italiano approssimativo ma sufficientemente decifrabile, sono comunque nelle mani dei magistrati che dovranno valutarle. Se ritengono di dover prendere iniziative lo faranno, se pensano invece che sono, per così dire, carta straccia, resterà tutto così com'è. Noi comunque siamo soddisfatti".
Il legale di Sabrina spiega poi che "Misseri è apparso così come l'ho visto sempre in tv, con quel suo strano sorriso". L'avvocato riconosce poi che "poteva essere più completa la disponibilità" di Michele Misseri.
Daniele Galoppa, l'avvocato di Michele Misseri, spiega ai giornalisti prima di andare via che il suo assistito "ha riconosciuto le lettere, ma sul contenuto si è avvalso della facoltà di non rispondere" mentre Coppi specifica invece che "non è esatto dire che Michele Misseri si è avvalso della facoltà di non rispondere".
L'avvocato Franco Coppi spiega che Misseri "si è rifiutato di rispondere a una domanda che, secondo lui e secondo quanto concordato, come suo diritto, con i suoi difensori, avrebbe potuto, a mio avviso erroneamente, esporlo al rischio di una incriminazione a seguito di un divieto espresso dal pubblico ministero di riferire circostanze oggetto delle indagini".
Rimane il mistero su ciò che Michele Misseri abbia scritto alle sue due figlie, anche se pare che i legali di Sabrina sembrano ritenere fondamentali quelle parole "scritte in un italiano approssimativo ma sufficientemente decifrabile" in vista dell'ulteriore richiesta di scarcerazione della ragazza, ora detenuta perché accusata dal padre di aver ucciso la cugina Sarah Scazzi.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: