le notizie che fanno testo, dal 2010

Sarah Scazzi: foto strangolamento Misseri. Donna nuda alle spalle

Sono state diffuse delle foto inedite che immortalano Michele Misseri, durante l'interrogatorio del 25 ottobre 2010, che simula lo strangolamento di Sarah Scazzi. Nella stanza anche il quadro di una donna nuda, forse appeso per misurare le reazioni di zio Michele.

L'omicidio di Sarah Scazzi continua a tenere incollati i telespettatori tanto che alcune trasmissioni trovano sempre nel proprio palinsesto un posticino per parlare del delitto di Avetrana. Mentre inquirenti e legali cercano si sbrigliare tutti i nodi venuti al pettine a causa di mezze verità e confessioni quantomeno contraddittorie, i media cercano di tenere alto l'audience proponendo a volte fatti o immagini che non forniscono particolari in più in merito all'indagine ma sicuramente riescono a soddisfare la curiosità, spesso morbosa, degli italiani. Ieri sera la trasmissione di Rete 4 "Quarto grado" è tornata a parlare del delitto della povera 15enne di Avetrana, mostrando al suo pubblico delle foto inedite di Michele Misseri durante l'interrogatorio del 25 ottobre 2010 (al link: http://tinyurl.com/3ayruea). L'interrogatorio "si è svolto alla presenza del professor Luigi Strada, medico legale che ha effettuato l'autpsia sul corpo di Sarah su incarico della procura di Taranto" come recita il comunicato del programma e le nove forografie (in bianco e nero e di pessima qualità) immortalano Michele Misseri che simula lo strangolamente di Sarah Scazzi. In quel periodo, infatti, Michele Misseri aveva confessato di essere stato lui ad uccidere la nipote, cosa che poi ritrattò (insieme a tante altre) nel corso del tempo e delle indagini, addossando ogni responsabilità dell'omicidio alla figlia Sabrina, attualmente detenuta in carcere. Queste 9 fotografie non presentano probabilmente niente di particolarmente rilevante per lo spettatore mentre sicuramente possono essere tornate utili al medico e alla scientifica, che cerca di capire chi ha effettivamente tolto la vita a Sarah Scazzi. Un particolare nelle fotografie dovrebbe invece attirare l'attenzione, almeno degli studenti di psicologia e sociologia. Sulla parete della stanza dove si è svolto l'interrogatorio, infatti, è appeso un quadro di una donna completamente nuda che si copre le parti più intime con una mano. Non sappiamo se questa immagine sia stata messa appositamente dagli inquirenti, visto che all'epoca Michele Misseri aveva confessato anche di aver abusato del cadavere di Sarah Scazzi e di aver tentato degli approcci sessuali quando la nipote era ancora in vita. Sarebbe quindi interessante sapere non solo se tale quadro sia stato posizionato per uno scopo ma se e come Michele Misseri ha reagito alla sua vista. Potrebbe essere quindi lo spunto per qualche prossimo salotto televisivo.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: