le notizie che fanno testo, dal 2010

Sarah Scazzi: due nuovi arresti per evitare inquinamento prove

L'omicidio di Sarah Scazzi non manca di colpi di scena. All'alba sono stati arrestati il fratello e il nipote di Michele Misseri, per "evitare inquinamento delle prove", come spiega il procuratore Franco Sebastio.

Sono stati arrestati sulla base del combinato disposto dell'articolo 302 del codice di procedura penale "per tutelare esigenze di indagine ed evitare inquinamento delle prove" il fratello e il nipote di Michele Misseri. A spiegare l'arresto ai giornalisti il Capo della Procura di Taranto, Franco Sebastio, che rivela che Carmine Misseri, di 50 anni e Cosimo Cosma, di 45 anni, rispettivamente fratello e nipote di Michele Misseri, sono stati arrestati e portati in carcere con l'accusa di aver aiutato l'uomo a nascondere il cadavere di Sarah Scazzi, la 15enne di Avetrana uccisa il 26 agosto 2010. A far ritrovare il cadavere di Sarah Scazzi proprio Michele Misseri, il 7 ottobre scorso, dopo tanti giorni di bugie e versioni discordanti.
"Il provvedimento è finalizzato a far completare le indagini in corso e ad acquisire ulteriori elementi - spiega il procuratore Sebastio - e per evitare possibili inquinamenti delle indagini ancora in corso".
Sembra che Carmine Misseri e Cosimo Cosma abbiano infatti sentito più volte al telefono Michele Misseri proprio il 26 agosto, giorno dell'omicidio di Sarah. Il provvedimento di custodia cautelare in carcere a termine per trenta giorni è stato quindi assunto, come sottolineano gli inquirenti, per evitare ulteriori depistaggi e cercare di chiudere definitivamente le indagini su questo orrendo delitto.
Carmine Misseri e e Cosimo Cosma "hanno attuato un tentativo generalizzato di crearsi dei copioni ben articolati per sostenere gli interrogatori e quindi precostituirsi degli alibi" spiega invece Giovanni Di Blasio, comandante provinciale dei carabinieri di Taranto.
Ricordiamo che in carcere, per concorso in omicidio, vi è anche Sabrina Misseri, figlia minore di Michele e cugina di Sarah Scazzi, che però si è sempre detta innocente.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: