le notizie che fanno testo, dal 2010

Sarah Scazzi: Cosimo Cosma interrogato respinge le accuse

Cosimo Cosma, arrestato con l'accusa di aver aiutato Michele Misseri a nascondere il corpo di Sarah Scazzi, è stato interrogato e ha risposto a tutte le domande, ma ha respinto categoricamente tutte le accuse.

Il 23 febbraio all'alba, a sorpresa, sono stati arrestati dalla Procura di Taranto il fratello e il nipote di Michele Misseri, in carcere insieme alla figlia Sabrina per l'omicidio e la soppressione (reato più grave dell'occultamento) del cadavere di Sarah Scazzi.
Sia Carmine Misseri, fratello di Michele, che il nipote Cosimo Cosma detto Mimino, sono stati il 24 febbraio chiamati davanti agli inquirenti per l'interrogatorio di garanzia. L'avvocato di Cosimo Cosma, dopo l'interrogatorio, spiega ai giornalisti che il suo assistito "ha confermato quanto reso nei precedenti interrogatori, e cioè che lui non è a conoscenza né delle modalità dell'omicidio né delle modalità dell'occultamento del cadavere". Raffaele Missere, legale di Cosimo Cosma, spiega che comunque Cosimo Cosma ha risposto a tutte le domande del Gip e della procura, respingendo fermamente le accuse.
L' avvocato Missere ha reso noto di aver depositato nella cancelleria del tribunale il ricorso contro la misura cautelare di Cosimo Cosma, chiedendo o la scarcerazione del suo assistito o la custodia cautelare agli arresti domiciliari.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: