le notizie che fanno testo, dal 2010

Sarah Scazzi, Cosima: ora usciranno le cose a favore di Sabrina

Dopo la sentenza della Cassazione, che ha annullato con rinvio l'ordinanza di carcerazione di Sabrina Misseri torna a parlare in TV Cosima Serrano, spiegando che "finalmente hanno visto che era tutto contro Sabrina e che le cose a favore di Sabrina erano state messe da parte".

Dopo la sentenza della Cassazione, che ha annullato con rinvio l'ordinanza di carcerazione di Sabrina Misseri invitando quindi il Tribunale del Riesame di Taranto a rivedere tutto il materiale indiziario e di rispondere alle obiezioni della difesa della cugina di Sarah Scazzi, torna a parlare in televisione Cosima Serrano. La mamma di Sabrina Misseri è intervenuta durante il contenitore pomeridiano "Domenica Cinque" sottolineando che con questa sentenza "è come se si fosse girata la palla". "Finalmente hanno visto che era tutto contro Sabrina e che le cose a favore di Sabrina erano state messe da parte - spiega Cosima Serrano - Sicuramente ora usciranno anche le cose a favore di Sabrina". La donna sottolinea nuovamente, come ha sempre fatto in questi lunghi mesi, di essere assolutamente certa dell'innocenza della figlia. "Se non fossi stata a casa avrei avuto anche io dei dubbi, non so, ma siccome io l'ho vista a letto (Sabrina, ndr), io ho sentito il messaggio (l'SMS, ndr), io l'ho sentita quando è uscita sbattere la porta - spiega Cosima - Possono dire quello che vogliono. I fatti sono questi". Cosima Serrano spiega anche che Sarah Scazzi quel 26 agosto "in casa non è mai arrivata". La mamma di Sabrina sembra essere sicura su questo punto, spiegando che se così fosse la nipote avrebbe suonato il campanello, e lei quel campanello non l'ha mai sentito suonare. "Di ciò ne sono sicura perché è vicino al letto - precisa a Domenica Cinque - se l'avesse suonato l'avrei sentito". Cosima Serrano, rimasta ora sola in casa dopo l'arresto della figlia e del marito, afferma di non soffrire la solitudine ma di soffrire "per il motivo per il quale è sola, quello sì".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: