le notizie che fanno testo, dal 2010

Sarah, Sabrina Misseri: papà troppo bravo a non lasciare piste

Sabrina Misseri resta in carcere e spuntano nuovo particolari dell'ennesima versione dei fatti raccontata nei giorni scorsi da Michele Misseri. E si attende venerdì per il faccia a faccia di padre e figlia, nel corso dell'incidente probatorio.

Sabrina Misseri resta in carcere perché il Tribunale del Riesame ha rigettato la richiesta di liberazione avanzata dai suoi legali, Vito Russo ed Emilia Velletri. Ma la ragazza continua a professarsi innocente.
Continuano intanto le indiscrezioni delle ultime confessioni di Michele Misseri, quando il 4 novembre scorso non solo ha addossato tutta la colpa sulla figlia ma ha raccontato delle frasi che avrebbe detto Sabrina, che sembrano dipingerla come una fredda e spietata stratega.
"A una sua (di Michele Misser, ndr) totale innocenza" non ci crede nemmeno la mamma di Sarah Scazzi, che ha commentato a fatica con i giornalisti la notizia della non scarcerazione di Sabrina. Michele Misseri, ricorda infatti Concetta Serrano Spagnolo, è comunque la stessa persona che ha occultato il cadavere di Sarah.
L'ultima volta sembra che agli inquirenti Michele Misseri abbia non solo detto che Sabrina, dopo l'omicidio, non era "nervosa, non arrabbiata, ma rossa in volto e che voleva piangere ma non aveva la forza" e che è subito corsa a fare "il palo".
Michele Misseri ha anche raccontato che è stata Sabrina a buttare le "ciabatte nella spazzatura" e che al padre gli ripeteva che era "troppo bravo a non lasciare piste".
Secondo le ricostruzioni di Michele Misseri, Sabrina si sarebbe cominciata a spaventare per paura di essere coinvolta quando il padre fece ritrovare il cellulare.
"Speriamo che il cellulare risulti da 45 giorni là, sennò siamo tutti fregati", avrebbe detto Sabrina a Michele Misseri.
L'uomo avrebbe anche raccontato che quando lui si accusò dell'omicidio di Sarah Scazzi e portò gli investigatori dove aveva nascosto il cadavere della nipote, Sabrina lo cominciò a chiamare chidendogli: "Ma che hai combinato?".
Comunque sia, a breve non ci sarà più spazio per ennesime versioni di Michele Misseri perché venerdì prossimo l'uomo, come ha stabilito il gip Martino Rosati, dovrà darne una definitiva nel corso dell'incidente probatorio, e queta volta ad ascoltarlo non ci saranno solo i pm ma anche la figlia Sabrina.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: