le notizie che fanno testo, dal 2010

Sabrina Misseri e il litigio con Sarah Scazzi. Slitta Ivano Russo

Nel corso della seconda udienza del processo sul delitto di Sarah Scazzi, parlano i primi due testimoni. Al centro del dibattito un litigio che Sabrina avrebbe avuto la sera prima dell'omicidio con la cugina, per colpa di Ivano Russo, la cui testimonianza slitta al 31 gennaio.

La testimonianza di Ivano Russo alla fine è slittata al 31 gennaio, data in cui riprenderà il processo sul delitto di Sarah Scazzi. Nel corso della seconda udienza, però, hanno testimoniato Stefania De Luca e Angela Cimino, e questa volta Sabrina Misseri e Cosima Serrano hanno potuto assistere al dibattimento accanto ai propri difensori, e non dietro una "gabbia" come nel corso della prima udienza. In Aula non erano presenti i genitori di Sarah Scazzi, mentre Michele Misseri non è voluto mancare. L'incontro, anche se a distanza e solo, forse, attraverso uno sguardo, tra Ivano Russo (accompagnato in tribunale dalla findanzata) e Sabrina Misseri quindi non c'è stato. Forse un po' di delusione per Sabrina, colmata però probabilmente dalla notizia che la Corte d'Assise ha respinto la richiesta di sospendere per le due imputate, attualmente in carcere, i termini di custodia cautelare, che quindi scadranno il 21 maggio 2013. Sabrina Misseri, invece, non deve essere rimasta troppo soddisfatta della testimonianza di Stefania De Luca, la donna che raccontò per prima di un litigio intercorso tra Sarah Scazzi e la cugina la sera prima del delitto. In tribunale Stefania De Luca ripete quanto già detto il 22 settembre 2010, e cioè che la sera del 25 agosto vide Sarah Scazzi particolarmente triste. I pm lasciano dapprima spiegare alla donna l'interessamento di Sabrina Misseri verso Ivano Russo: "Si vedevano con una certa frequenza e sperava che si potesse creare qualcosa. Me ne parlava spesso. I due si sentivano molto spesso, via telefono o via messaggio, lo so perché frequentavo almeno due volte a settimana il centro di Sabrina - racconta Stefania De Luca - Io pensavo che ci potesse essere anche da parte del ragazzo qualcosa. Uscivano quasi tutte le sere insieme: quando non si vedevano, andava a controllare dove fosse. Faceva appostamenti". Stefania De Luca racconta così che la sera del 25 agosto vide arrivare in un pub di Avetrana Sabrina, Sarah e Mariangela Spagnoletti, e incrociandola Sabrina Misseri le avrebbe detto "sai, questa volta è proprio finita", riferendosi al rapporto che aveva con Ivano Risto. La testimone ricorda che Sarah Scazzi era triste, e lei pensò che tale stato d'animo fosse dovuto al fatto che il fratello Claudio era appena ripartito. Sabrina Misseri, sempre secondo il racconto della testimone, ad un certo punto però avrebbe affermato che con Ivano Russo non ci parlava più, al contrario della cugina, e che "Sarah, per due coccole si vende". Una frase che avrebbe fatto intristire Sarah Scazzi tanto da fargli scendere una lacrima. Mentre la donna parlava, Sabrina Misseri continuava a fare "no" con la testa, in segno di dissenso verso quanto ascoltava. Sembra comunque che Stefania De Luca abbia detto di non aver mai sentito dire da Sabrina che lei era gelosa della cugina. Infine spiega che qualche giorno dopo la scomparsa di Sarah Scazzi incontrò Sabrina, le ricordò che quel giorno la cugina era triste per la partenza del fratello, ipotizzando che forse poteva essere scappata per andare a trovarlo, ma che Sabrina le disse: "Non era giù per quello ma perché avevamo litigato in auto". Una affermazione che da una parte potrebbe andare a confermare l'avvenuto diverbio, ma dall'altra potrebbe dimostrare il fatto che Sabrina Misseri forse non lo reputava così grave da doverlo tenere segreto. L'amica delle due cugine, Angela Cimino, sembra invece aver confermato l'interessamento di Sabrina per Ivano Russo ma avrebbe spiegato di non averle mai viste litigare, anche perché, avrebbe detto, Sabrina "era molto protettiva perché Sarah era più piccola".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: