le notizie che fanno testo, dal 2010

Sabrina Misseri accusata di omicidio: state sbagliando

Sabrina Misseri è accusata, perché gravemente indiziata, di sequestro di persona e omicidio volontario. Sarebbe stato il padre, lo zio di Sarah Scazzi, l'uomo che alla fine ha confessato di averla strangolato, ad accusare la figlia.

Sabrina Misseri è accusata, perché gravemente indiziata, di sequestro di persona e concorso in omicidio volontario. Sarebbe stato il padre, lo zio di Sarah Scazzi, l'uomo che alla fine ha confessato (nonostante alcune incongruenze nella storia) di aver strangolato e poi violentato la nipote, per infine gettarla in un pozzo nelle campagne situate nei pressi di Avetrana, ad accusare la figlia. Stando al racconto di Michele Misseri, Sabrina avrebbe tenuto ferma la cugina Sarah Scazzi mentre il padre la strangolava. E sarebbe stata la stessa Sabrina ad accompagnare in garage Sarah, per dare una lezione alla cugina che si era invaghita di Ivano, il ragazzo di cui anche la 25enne pare fosse innamorata. Questa la prima ipotesi. Sarebbe nato per questo motivo un delitto così efferato, ma se ciò fosse confermato a questo punto forse alcune confessioni precedenti di Michele Misseri potrebbero allora non corrispondere al vero. Se l'omicidio di Sarah Scazzi è nato da una trappola ordita tra padre e figlia, finita nel peggiore dei modi, forse la molestia sessuale confessata da Michele Misseri prima del delitto e poi perpetrata sul cadavere della nipote, sembra addirittura in due volte diverse, potrebbe non essere corrispondente al vero. Il movente dell'omicidio, quindi, deve essere ancora da chiarire, anche se probabilmente la storia della gelosia non sembra avere molti appigli. Il garage dove sarebbe avvenuto il delitto comunque non sarebbe ancora sotto sequesto, per motivi investigativi spiegano le forze dell'ordine. Ieri, durante la ricostruzione fatta da Michele Misseri ai RIS che lo riprendevano, lo zio di Sarah Scazzi ha ricostruito la scena del delitto, fino al caricamento del corpo della giovane nella macchina, e durante le perquisizioni è stata ritrovata la batteria del cellulare di Sarah e le cuffiette con cui ascoltava la musica in Mp3. Sabrina Misseri, in fermo da ieri notte alle 23.00, ha continuato a ripetere invece agli inquirenti: "Io non c'entro niente, state sbagliando".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: