le notizie che fanno testo, dal 2010

Processo Scazzi: 23 ottobre tocca a Sabrina Misseri e Cosima Serrano

Nelle ultime udienze del processo sull'omicidio di Sarah Scazzi non sono emersi particolari rilevanti, mentre cresce l'attesa per la testimonianza di Sabrina Misseri e Cosima Serrano.

Il processo sull'omicidio di Sarah Scazzi giunge alle fasi finali. Nel corso delle ultime due udienze (la 22esima del 25 settembre e la 23esima del 2 ottobre) nessuna novità rilevante è emersa nel corso degli interrogatori. Prima della pausa estiva il fioraio di Avetrana Giovanni Buccolieri, che doveva testimoniare in merito al famoso sogno su Cosima Serrano che costringeva Sarah Scazzi a salire sulla propria auto, si è avvalso della facoltà di non rispondere, in quanto indagato anche per false dichiarazioni. Ma anche Carmine Misseri e Cosimo Cosma, lo scorso 2 ottobre, si sono avvalsi della falcoltà di non rispondere, visto che il fratello e il nipote di Michele Misseri sono accusati, insieme allo zio di Sarah Scazzi, di concorso in soppressione di cadavere. Unico elemento di rilievo è stata la deposizione, durante la 22esima udienza, della deposizione della biologa Valeria Scazzeri, chiamata ad effettuare una perizia di parte sul cadavere di Sarah Scazzi dietro richiesta dell'avvocato difensore di Cosimo Cosma. Secondo la biologa, l'orario della morte di Sarah Scazzi dovrebbe essere posticipato alle ore 15:30-16:00, quindi circa un'ora e mezza dopo quello fissato dalla Procura a seguito dell'esame autoptico del medico legale Luigi Strada. La biologa, inoltre, lamenta che nel corso dell'autopsia non sarebbe stato esaminato l'intestino di Sarah Scazzi, particolare che potrebbe ulteriormente spostare l'orario della morte sino a 7 ore dopo.

Sale invece l'attesa per la 24esima udeinza, fissata per il 23 ottobre prossimo, quando saranno chiamate a testimoniare sia Sabrina Misseri che sua madre, Cosima Serrano. Sabrina Misseri e Cosima Serrano sono accusate di omicidio, sequestro e soppressione di cadavere. Sabrina Misseri è in carcere dal 15 ottobre 2010 quando il padre Michele Misseri la chiamò (per poi ritrattare in un secondo momento) in correità per l'omicidio di Sarah Scazzi, mentre Cosima Serrano è in prigione dal 26 maggio 2011, "incastrata" dalla posizione del suo cellulare . L'accusa aveva già chiamato a testimoniare Sabrina Misseri e Cosima Serrano, ma le due si erano avvalse della facoltà di non rispondere. Il 23 ottobre, invece, dovranno raccontare la loro versione dei fatti ritornando al giorno dell'omicidio di Sarah Scazzi.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: