le notizie che fanno testo, dal 2010

Conversano ad Avetrana per il calendario di Sarah Scazzi

Il 4 gennaio vi sarà una nuova presentazione del calendario di Sarah Scazzi, questa volta ad Avetrana. Naturalmente ci sarà anche Giovanni Conversano, ex tronista di Uomini e Donne, e in molti pensano che si voglia continuare a cavalcare l'onda mediatica di una tragedia.

Dopo la morte di Sarah Scazzi il fratello della 15enne era salito per pochi giorni alla ribalta delle cronache (soprattutto nelle pagine di gossip) quando si venne a sapere che bussò alla porta della LM Management, cioè l'agenzia di Lele Mora perché sentiva di "avere una potenzialità per lavorare in TV". Lele Mora comunque gli rispose che "non era adatto" ma gli promise che lo avrebbe aiutato nella "raccolta di fondi da destinare alla costruzione di un canile" dedicato alla memoria di Sarah Scazzi.
Ora, non sappiamo se l'aiuto di Lele Mora sia stato quello di indicare a Claudio Scazzi alcuni personaggi dello spettacolo che si potevano prestare a posare per il calendario "Amarli non passa mai di moda" realizzato dall'associazione animalista "Chi li ama ci segua". Fatto sta che ad essere ritratto insieme ai cani rangagi c'è anche Giovanni Conversano, ex tronista di Uomini e Donne divenuto famoso anche per la sua travagliata storia d'amore con la bella sarda Serena Enardu.
Tale calendario, i cui proventi sarebbero devoluti all'associazione "Sarah per sempre" (di cui Claudio Scazzi è il fondatore) per la costruzione del canile, è già stato presentato il 16 dicembre presso la discoteca Hollywood di Milano, con naturalmente la partecipazione dell'ex tronista che allora scatenò la reazione della ex fidanzata Serena Enardu affermando che "posando per un calendario in ricordo di Sarah Scazzi" era solo un modo per "farsi pubblicità".
Non pago delle critiche, però, Giovanni Conversano ci sarà anche alla nuova presentazione del calendario, in programma questa volta il 4 gennaio presso l'oratorio Sacro Cuore di Avetrana. Insieme a Giovanni Conversano anche il fratello e il padre di Sarah Scazzi, Claudio e Giacomo, nonché il sindaco Mario De Marco.
A molte persone non è piaciuta questa iniziativa perché sembra che si voglia continuare a cavalcare l'onda mediatica di una tragedia. Ad esporsi attraverso una nota è stato per esempio il presidente della Pro Loco di Avetrana, Emanuele Micelli, che spiega di non avercela con Giovanni Conversano ma soprattutto con "i rappresentanti istituzionali avetranesi" che "ancora non la smettono di andare dietro a telecamere e far apparire la nostra Avetrana per quello che non è effettivamente".
A rispondere è Claudio Scazzi che sostiene che il calendario non è stato ideato per continuare a spettacolarizzare la tragedia della sorella e difendendo la partecipazione di Conversano, visto che l'ex tronista "ha partecipato attivamente alla realizzazione del progetto".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: