le notizie che fanno testo, dal 2010

Salone del Gusto, Martina: abbattere digital divide nelle zone rurali

In occasione dell'inaugurazione del Salone del Gusto, il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina, commenta le dichiarazioni del Presidente e fondatore di Slow Food, Carlo Petrini, assicurando che il rilancio del comparto agricolo e alimentare italiano è una priorità per il governo, ed accetta la sfida di abbattere il digital divide nelle zone rurali.

In occasione dell'inaugurazione del Salone del Gusto, il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina, commenta le dichiarazioni del Presidente e fondatore di Slow Food, Carlo Petrini, che afferma tra le altre cose: "La sfida è proteggere la biodiversità. Bisogna cambiare sistema alimentare perché quello di oggi è un sistema criminale e non può durare". Maurizio Martina sottolinea che quelle di Carlo Petrini in merito al rilancio del comparto agricolo e alimentare italiano sono "proposte importanti", assicurando che il governo "su molti fronti" sta già lavorando "a partire dal grande tema generazionale", precisando: "In Italia il 5% delle aziende agricole oggi è condotto da under 35, vogliamo far crescere questo numero". Martina elenca: "Con Campolibero, nella legge Competitività, abbiamo introdotto ad esempio i mutui a tasso zero per i giovani agricoltori e le detrazioni al 19% per l'affitto dei terreni. - ha aggiunto Martina - Sul consumo di suolo abbiamo chiesto al Parlamento di approvare entro l'anno la legge per il contenimento della cementificazione e per il riuso delle aree edificate. Abbiamo presentato un grande piano di investimenti da 2 miliardi di euro per far fronte alle necessità di credito per le imprese del settore, con 8 strumenti su 'misura' per l'agroalimentare". Il ministro delle politiche agricole annuncia quindi di accettare anche "la sfida di abbattere il digital divide nelle zone rurali dove, utilizzando bene i fondi europei, abbiamo impiantano già più di 1000 km di fibra ottica e abbiamo in cantiere interventi per altri 4.500 km. Questo perché siamo consapevoli dell'importanza strategica della comunicazione anche e soprattutto via web per essere più competitivi e valorizzare la nostra distintività". Maurizio Martina conclude quindi aprendo una parentesi sulla "burocrazia inutile: - chiarendo - è un campo dove stiamo concretizzando azioni per liberare le energie delle aziende. Penso al registro unico dei controlli che vogliamo rendere operativo entro l'anno, all'estensione dell'uso della diffida prima delle sanzioni amministrative e alla dematerializzazione di alcuni registri. Anche la legge di stabilità ha confermato che il governo dà spazi".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: