le notizie che fanno testo, dal 2010

SLA: cause della malattia, scoperto nuovo gene "colpevole"

Nel 2006 la Fondazione Vialli e Mauro Onlus finanzia la ricerca per identificare le cause della SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica) nei calciatori professionisti italiani. Incominciano ad arrivare i risultati.

Nuove speranze per la cura della SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica detta anche "morbo di Lou Gehrig" dal nome del giocatore di baseball che fu la prima "vittima accertata") grazie alla Fondazione Vialli e Mauro Onlus, al Ministero della Salute e alla FGCI (Federazione Italiana Gioco Calcio) che hanno finanziato la ricerca che porta la firma di quattro centri d'eccellenza per la ricerca su questa patologia. E' stato infatti identificato un gene resposabile della SLA, il VCP (Valosin Containing Protein), che si trova nel Cromosoma 9.
La scoperta verrà tra breve illustrata al Congresso mondiale sulla SLA che si tiene ad Orlando (Stati Uniti d'America) ed è già stata pubblicata sulla rivista "Neuron".
Gli autori della ricerca sono il Laboratorio di Neurogenetica dell´NIH di Betheda, USA (coordinato dal professior Bryan Traynor); il Centro Sla del Dipartimento di Neuroscienze dell´Università di Torino e dell´Ospedale Molinette di Torino (coordinato dal professor Adriano Chiò); il Laboratorio di genetica molecolare dell´azienda ospedaliera OIRM Sant´Anna (diretto dalla dottoressa Gabriella Restagno); il Centro SLA dell´ospedale universitario di Modena (coordinato dalla dottoressa Jessica Mandrioli). Lo studio è stato reso possibile grazie al consorzio ITALSGEN che riunisce per la lotta contro la SLA ben 14 centri universitari ed ospedalieri italiani.
Il nuovo gene VCP (Valosin Containing Protein) era già una vecchia (si fa per dire) conoscenza dei ricercatori perché già causa di un'altra malattia neurologica (la demenza frontotemporale associata a miosite a corpi inclusi e malattia di Paget), ed è il primo gene scoperto che sembra interferire con "il processo di accumulo di proteine anormali nelle cellule nervose". Difatti, dice la ricerca, "i motoneuroni nella SLA muoiono per accumulo di tali proteine aberranti".
La scoperta di un nuovo gene responsabile della SLA potrebbe essere una "svolta per la comprensione di questa terribile patologia e offre prospettive per l´identificazione di terapie per il suo trattamento" si legge in una nota della Fondazione Vialli e Mauro per la Ricerca e lo Sport. La Fondazione è stata creata dai due grandi e sensibili calciatori Luca Vialli e Massimo Mauro (con Cristina Grande Stevens) che "durante la stagione calcistica 2002-2003, un periodo durante il quale ci siamo trovati, per diversi motivi, ‘disoccupati', abbiamo avuto la possibilita' di riflettere su cose alle quali avevamo dedicato poco tempo in passato".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: