le notizie che fanno testo, dal 2010

Lorenzin: non visita paziente Sla a Pasqua? Medico Asl Locorotondo sarà denunciato

Il figlio di una paziente affetta da Sla (Sclerosi Laterale Amiotrofica) racconta che il venerdì prima di Pasqua la Asl di Locorotondo (Bari) non avrebbe prestato soccorso alla donna perché era festa. Beatrice Lorenzin, ministro della Salute, afferma: "Chi si è macchiato della responsabilità di questo episodio vergognoso dovrà risponderne adesso alla Procura della Repubblica". Per il direttore generale della Asl di Locorotondo, Domenico Colasanto, "i fatti sono completamente diversi".

La Repubblica.it racconta che il figlio di una paziente affetta da SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica) "intubata e allettata" avrebbe chiamato il venerdì prima di Pasqua il numero verde della Asl di Locorotondo, in provincia di Bari per chiedere la sostituzione della "cannula tracheostomica danneggiata". Al centralino, gli avrebbero risposto che il solito medico di riferimento era in ferie e che avrebbe potuto "richiamare martedì".

In una nota, il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, scrive: "Spero che quanto accaduto a Locorotondo non si ripeta mai più. - aggiungendo - Un sentito ringraziamento ai Carabinieri del NAS che nel giorno di Pasqua, e fino a ieri, hanno lavorato per l'accertamento della verità e per l'individuazione della responsabile dei fatti denunciati da un cittadino, parente di una vittima di Sla". Per Beatrice Lorenzin "in Italia non può accadere, non deve accadere, che alla richiesta di un pronto intervento da parte di una struttura sanitaria venga risposto che l'intervento verrà eseguito dopo le festività. - concludendo - Chi si è macchiato della responsabilità di questo episodio vergognoso dovrà risponderne adesso alla Procura della Repubblica, alla direzione dell'Asl e all'ordine dei medici, e non può gettare ombre sul lavoro di decine di migliaia di operatori che ogni giorno, anche in quelli di festa, lavorano per garantire la salute dei cittadini".

Per il direttore generale della Asl di Locorotondo, Domenico Colasanto, "i fatti sono completamente diversi: - e precisa - I parenti della signora hanno chiamato un numero di cellulare aziendale a cui risponde il medico responsabile della unità operativa 'Assistenza Pazienti Fragili' 24 ore al giorno per 365 giorni l'anno. E' il dottor Raffaele Gargano; essendo lo stesso in ferie per soli due giorni è stato sostituito dall'altro anestesista in servizio, la dottoressa Caterina Pesce, la quale ha risposto alla telefonata, chiarendo che il dottor Gargano fosse in ferie e che lei lo sostituiva. I parenti hanno risposto che preferivano rivolgersi a un altro medico di loro conoscenza. Il medico, ho appurato, è il dottor Pietro Dormio, anestesista dipendente della stessa Asl Bari, in servizio all'ospedale di Monopoli. In passato il dottor Dormio era stato già contattato dalla famiglia anche se non fa parte della unità Assistenza Pazienti Fragili, e comunque essendo un medico molto disponibile, laddove ne abbia la possibilità, si presta a dare assistenza".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: