le notizie che fanno testo, dal 2010

Giornata Nazionale SLA: una bottiglia di Barbera DOCG aiuta la ricerca

Una grande bottiglia per una grande battaglia. La giornata nazionale SLA sposa il Barbera, "quello buono", per sostenere la ricerca. In numerose piazze italiane con un contributo minimo di 10 euro si aiuterà la ricerca e si riceverà una bottiglia di Barbera d'Asti DOCG.

Per sconfiggere la SLA, Sclerosi Laterale Amiotrofica, c'è bisogno di fondi per la ricerca. Per raccogliere fondi e per sensibilizzare l'opinione pubblica, ogni anno, dal 2007, dopo l'estate, viene promossa da AISLA Onlus (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica) la Giornata nazionale SLA, sotto l'alto patronato del Presidente della Repubblica. Questa volta, domenica 2 ottobre, l'associazione sarà in piazza con bottiglie di Barbera d'Asti DOCG, "quello buono", che verranno date in ringraziamento a chi, con un contributo minimo di 10 euro, aiuterà la ricerca per la cura della SLA. La Giornata Nazionale per la lotta alla Sclerosi Laterale Amiotrofica è nata recentemente, nel 2007, quando ci fu il primo "sit in" dei malati che, il 18 settembre 2006, come scrive l'AISLA "si riunirono a Roma, sotto il Ministero della Salute, per portare all'attenzione dell'allora Ministro della Salute On. Livia Turco i propri bisogni, in particolare quello di una presa in carico globale in termini di necessità di trattamenti assistenziali omogenei su tutto il territorio nazionale, prestazioni adeguate di assistenza domiciliare, accesso facilitato alle sperimentazioni cliniche in corso e ai farmaci per uso compassionevole, snellimento della burocrazia e riduzione dei tempi per ottenere il riconoscimento di invalidità, necessità di riconoscere piena validità ai piani terapeutici sottoscritti dagli specialisti e di dar corso a una strategia più efficace sul terreno della ricerca di base e finalizzata". Da allora ogni anno tra la metà di settembre e la prima settimana di ottobre AISLA Onlus promuove la Giornata, arrivata quest'anno alla quarta edizione. L'iniziativa di raccogliere fondi nelle piazze, sposando "la battaglia alla bottiglia" (ecco la cartina interattiva http://is.gd/cdytqE) è nata in collaborazione con la Camera di Commercio di Asti, il cui Presidente, Mario Sacco, a questo proposito afferma: "L'idea di aiutare la ricerca con il vino è nata nel 2007 durante il Festival delle Sagre di Asti dove, sempre in collaborazione con AISLA Onlus, avevamo riservato un'area per i visitatori diversamente abili, in modo che nonostante l'enorme affluenza di turisti potessero vivere la manifestazione nel modo più consono. Un'altra iniziativa, questa, che è proseguita con successo nel tempo ripetendosi nuovamente poche settimane fa. Noi crediamo sia essenziale, che non soltanto i singoli privati si impegnino socialmente, ma che anche gli Enti – e questo ne è un chiaro esempio – debbano compattarsi e dimostrare fattivamente sensibilità e attenzione verso questi problemi: forse in tal modo anche i diversamente abili si sentiranno meno soli a combattere le loro battaglie".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: