le notizie che fanno testo, dal 2010

Ryanair, sindacato tedesco: pressione su piloti per ridurre carburante

Dopo i tre mayday lanciati da altrettanti aerei Ryanair, sulla compagnia irlandese piovono commissioni d'inchiesta e denunce, anche dal sindacato tedesco che accusa: ci sarebbe "pressione psicologica sui piloti per ridurre il consumo di carburante".

Bufera sui voli Ryanair. E anche se non si tratta di pioggia vera, la tempesta che si sta abbattendo sulla compagnia aerea irlandese potrebbe comunque offuscarne l'immagine. Tutto nasce dopo il 26 luglio, quando tre voli Ryanair diretti a Madrid hanno dovuto deviare per l'aeroporto di Valencia perché sulla capitale spagnola si era abbattutto un nubifragio. Uno dopo l'altro, però, i tre aerei hanno lanciato un mayday chiedendo alla torre di controllo di poter atterrare a causa del basso livello di carburante presente nel serbatoio. Dopo tale "procedura standard di sicurezza del settore", come la chiama Ryanair in un comunicato, la Aena, l'agenzia pubblica di sicurezza aerea spagnola, ha aperto una inchiesta, in realtà dovuta perché "il mayday è una condizione di emergenza che dalle normative internazionali porta generalmente a un'apertura di un'inchiesta di sicurezza", come spiega la nostra Agenzia italiana per la sicurezza del volo. La Ryanair, dopo tale situazione, ha comunque precisato che "dopo aver volato su Valencia per 50 minuti, 68 e 69 minuti dopo l'orario previsto di sbarco a Madrid, i nostri aerei (seguendo le procedure standard di sicurezza) hanno chiesto il permesso di atterrare immediatamente per aver raggiunto il minimo carburante di riserva, che permette comunque a ogni velivolo, di operare per altri 30 minuti e volare per altre circa 300 miglia". Nel frattempo, però, l'associazione dei consumatori spagnola CEACCU ha presentato una denuncia contro Ryanair, sostenendo che la politica low cost in materia di carburante della compagnia aerea provocherebbe "una situazione di grave rischio per la sicurezza dei passeggeri". A questa si va aggiungendo la denuncia del sindacato tedesco dei piloti, il Vereinigung Cockpit, che afferma come Ryanair starebbe "esercitando pressione psicologica sui piloti, violando così i loro diritti, per ridurre il consumo di carburante". Finora, la Ryanair non ha ancora replicato, ma probabilmente non tarderà a farlo.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# consumatori# low cost# materia# nubifragio# Ryanair# volo