le notizie che fanno testo, dal 2010

Rutigliano (BA): picchiò giovane con calci e pugni in strada, arrestato 23enne

"Malmenare un coetaneo in pieno centro a Rutigliano, in un orario in cui le strade sono affollate e lasciarlo esanime a terra, dopo averlo percosso con brutale violenza, sferrandogli calci e pugni al volto e all'addome, ha dell'inverosimile, ma può succedere anche questo", si fa sapere in un comunicato dai Carabinieri.

"Malmenare un coetaneo in pieno centro a Rutigliano, in un orario in cui le strade sono affollate e lasciarlo esanime a terra, dopo averlo percosso con brutale violenza, sferrandogli calci e pugni al volto e all'addome, ha dell'inverosimile, ma può succedere anche questo" sottolinea in una nota l'Arma.
"Se poi si pensa che dietro all'ingiustificabile atto ci siano semplici alterchi giovanili - continuano di seguito i Carabinieri -, il tutto assume un tono ancor più drammatico. Ciò è quanto accaduto a Rutigliano, nei pressi della stazione ferroviaria, nel tardo pomeriggio del 24 novembre scorso, allorquando un 26enne del luogo è stato brutalmente malmenato ed abbandonato sul ciglio della strada, nell'indifferenza dell'aggressore, repentinamente dileguatosi. La vittima, trasportata d'urgenza all'Ospedale Di Venere di Bari Carbonara, in gravi condizioni, è stata operata ed ha riportato lesioni personali gravissime."
La Benemerita specifica poi: "Di fronte all'episodio, i Carabinieri della Stazione di Rutigliano, intervenuti sul posto dell'aggressione e presso il Pronto Soccorso appena informati dell'accaduto, attraverso una meticolosa attività d'indagine, consistita nell'escussione di quanti fossero presenti nella centrale via Kennedy nel momento dell'aggressione, sono addivenuti all'identificazione dell'isolato aggressore."
I militi illustrano infine nel comunicato: "Sulla base degli elementi raccolti, il giovane reo, un 23enne del luogo, ritenuto responsabile di lesioni personali gravissime ed aggravate, è stato arrestato in esecuzione di un'ordinanza di sottoposizione agli arresti domiciliari, emessa dal gip del Tribunale di Bari, su richiesta della locale Procura della Repubblica."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: