le notizie che fanno testo, dal 2010

Ruby in veste sadomaso. Luca Risso rischia per "pornografia minorile"

La Procura di Milano ha inviato a quella di Genova, per competenza, un fascicolo su Luca Risso, che rischia di essere indagato per "pornografia minorile" a causa di alcune fotografie che ritrarrebbero Ruby Rubacuori in un'esibizione hard nella discoteca Fellini, di cui è il gestore.

Lo scorso gennaio la Procura di Milano aveva autorizzato una perquisizione a Genova sia a casa di Ruby Rubacuori (Karima el Mahroug) sia nell'abitazione di Luca Risso, 41enne gestore del Fellini oltre che dell'Albikokka, e futuro marito della giovane marocchina, stando a quanto riporta il gossip (e non solo).
Durante queste perquisizioni sembra che gli investigatori abbiano trovato, e sequestrato, dei video e delle fotografie che ritrarrebbero Ruby Rubacuori, ancora minorenne, in pose hard durante un'esibizione nella discoteca di Risso. Questo materiale risalirebbe ad ottobre 2010, quando appunto Ruby aveva solo 17 anni. Sembra che il 10 marzo scorso il pm Ilda Boccassini abbia così inviato alla Procura di Genova, competente per territorio, il materiale sottratto dal computer di Luca Risso, poiché si ipotizza il reato favoreggiamento e sfruttamento "di pornografia minorile", secondo l'articolo 600 ter del codice penale.
Per la Procura di Milano, infatti, queste fotografie rappresenterebbero "una esibizione pornografica" di Ruby Rubacuori "quando era ancora minorenne". "Le foto estrapolate dal computer risultano all'evidenza integrare l'ipotesi di reato di 'pornografia minorile' - si leggerebbe nel fascicolo processuale inviato a Genova (http://tinyurl.com/6kphcj9) - che punisce da 6 a 12 anni chiunque, utilizzando minori degli anni diciotto, realizza esibizioni pornografiche o produce materiale pornografico ovvero induce minori di anni diciotto a partecipare ad esibizioni pornografiche".
Attualmente, comunque, Luca Risso non risulta iscritto nel registro degli indagati dalla procura di Genova, che pare abbia appreso la notizia dai media.
In queste fotografie e filmati, Ruby Rubacuori sarebbe stata immortalata durante una serata "a tema" trasgressiva organizzata dal Fellini, dove venne organizzato uno show sadomaso con ballerini e ballerini vestiti (o meglio svestiti) di pelle con tanto di frustini e amplessi simulati. Pare che sul palco venne chiamata ad un certo punto anche Ruby, che sembra si esibì in una performace lesbo in reggiseno e culotte, naturalmente di pelle. Luca Risso afferma però che Ruby salì sul palco di sua spontanea volontà. "Non stava lavorando per me - spiega il gestore del Fellini - Ruby è un'esibizionista. Era una mia amica, di cui peraltro ignoravo l'età. Credevo che avesse 23 anni, così come mi aveva detto".
"E' vero, sono stati simulati degli atti sessuali: era una serata a tema, trasgressiva. Un sacco di ragazze erano venute in discoteca vestite di pelle, come Ruby" continua a spiegare Luca Risso.
"Io e Ruby eravamo amici, le avevo detto che se voleva lavorare per me doveva portarmi i suoi documenti - racconta ancora Risso - E lei, come tutti sanno ormai, non me li ha mai portati. Per cui non ha mai lavorato per me".
Per ora la posizione di Luca Risso rimane nelle mani del dottor Mario Morisani, responsabile del Gruppo "Fasce deboli" della Procura di Genova, che probabilmente assegnerà il fascicolo nelle prossime ore ad uno dei quattro sostituti che si occupano di reati su minori.
"Spero che il pm genovese che curerà questo fascicolo capisca di trovarsi di fronte ad una bolla di sapone - conclude Luca Risso - E poi chi è la vittima? La mia fidanzata e la mia futura moglie".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: