le notizie che fanno testo, dal 2010

Ruby e il bunga bunga, 13 volte ad Arcore. Ghedini: inverosimile

Ruby Rubacuori, per la Procura di Milano, sarebbe stata ad Arcore ben 13 volte. Inoltre i pm milanesi descrivono il famoso "bunga bunga", ma il legale del premier ribatte: "Mai il presidente Berlusconi si è trovato coinvolto in situazioni quali quelle prospettate".

Ruby Rubacuori forse avrebbe cominciato a frequentare Arcore, o comunque sarebbe stata "adescata" per il presunto giro di prostituzione su cui indaga la Procura di Milano, quando aveva ancora 16 anni.
Secondo i pm milanesi, che hanno chiuso le indagini su Lele Mora, Emilio Fede e Nicole Minetti, sembrano ipotizzare infatti che i reati di cui sono accusati i tre (induzione e favoreggiamento della prostituzione, anche minorile) sarebbero stati commessi dall'inizio del 2009 al gennaio 2011, con un inciso nella nota che spiegherebbe che il reato di prostituzione minorile andrebbe dal settembre 2009 al maggio 2010, stando a quanto riportano anche le varie agenzie. E nel settembre 2009 Ruby aveva appunto 16 anni. Inoltre, la Procura di Milano non sembra credere alle parole della giovane marocchina, che sembra sostenere che il primo incontro con Silvio Berlusconi ad Arcore, per una cena, sarebbe avvenuto il 14 febbraio 2010. I magistrati ipotizzano infatti che Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti avrebbero "indotto e favorito l'attività di prostituzione svolta dalla minore Karima el Mahroug, la quale compiva atti sessuali con Silvio Berlusconi, dietro pagamento di corrispettivo in denaro ed altre utilità, presso la residenza in Arcore nelle date del 14 febbraio, 20 febbraio, 21 febbraio, 27 febbraio, 28 febbraio, 9 marzo, 4 aprile, 5 aprile, 24 aprile, 25 aprile, 26 aprile, 1 e 2 maggio 2010", come riporta anche la Reuters (http://tinyurl.com/6gv54nn).
Nella documetazione depositata, inoltre, l'accusa ipotizza anche lo svolgimento delle feste ad Arcore, spiegando che di norma erano divise in tre fasi. Sempre la Reuters riporta: "Una prima fase prevedeva una cena. Una seconda fase definita 'bunga bunga', che si svolgeva all'interno di un locale adibito a discoteca, dove le partecipanti si esibivano in mascheramenti, spogliarelli e balletti erotici, toccandosi reciprocamente ovvero toccando e facendosi toccare nelle parti intime da Silvio Berlusconi. Una terza fase, a fine serata, consistita nella scelta, da parte di Silvio Berlusconi, di una o più ragazze con cui intrattenersi per la notte in rapporti intimi, persone alle quali venivano erogate somme di denaro e altre utilità ulteriori rispetto a quelle consegnate alle altre partecipanti".
"Mai sono avvenuti i fatti descritti, mai il presidente Berlusconi si è trovato coinvolto in situazioni quali quelle prospettate" afferma il legale del premier Nicoolò Ghedini, spiegando che quelle della Procura di Milano sarebbero "ricostruzioni fattuali, illogiche, inverosimili e che non potranno che dimostrarsi inesistenti al primo vaglio processuale".
Ghedini infatti sostiene che "si è sempre trattato di incontri conviviali più che corretti e senza nessuna implicazione sessuale come è stato testimoniato da decine e decine di persone presenti" ricordando inoltre che Ruby Rubacuori avrebbe "ripetutamente affermato di non aver mai avuto nessun rapporto sessuale con il Presidente Berlusconi" e di "essere stata ad Arcore due o tre volte". La Procura di Milano, invece, sembra sostenere, appunto, che gli incontri con il premier sarebbero stati almeno 13.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: