le notizie che fanno testo, dal 2010

Ruby Rubacuori: da Berlusconi quando avevo 16 anni

Ruby Rubacuori confessa di frequentare casa di Silvio Berlusconi (75 anni) da quando lei aveva solo 16 anni. Questo almeno stando alle intercettazioni telefoniche riportate della documentazione al vaglio della Camera.

Stando ad alcune intercettazioni riportate nelle 389 pagine redatte dalla Procura di Milano, al vaglio della Camera, che sostengono l'accusa di prostituzione minorile e concussione nei confronti del premier, si evincerebbe che Ruby Rubacuori (Karima El Maurogh) abbia cominciato a frequentare Silvio Berlusconi addirittura quando aveva 16 anni.
In una intercettazione del 26 ottobre 2010, infatti, si sentirebbe Ruby Rubacuori dire: "Ma il mio caso invece, io frequento casa sua da quando c'avevo 16 anni". Una rivelazione che se fosse confermata dagli inquirenti naturalmente aggraverebbe la situazione di Silvio Berlusconi. Altre intercettazioni, invece, farebbero emergere una certa ansia del premier e dei suoi collaboratori nel cercare di voler chiudere la faccenda di Ruby. Per esempio sempre in data 26 ottobre 2010 Ruby spiegherebbe per telefono a P.: "E' venuto da me... mi ha chiamato oggi lui... mi ha chiamato la sua segreteria due volte... mi ha chiamato il mio avvocato, mi ha chiamato Lele... mi hai chiamato tu e io stavo dormendo... è venuto il mio avvocato, è venuto adesso, ha fatto la strada da Milano ha detto 'Ruby, dobbiamo trovare una soluzione... è un caso che supera quello della D'Addario e della Letizia, perché tu eri proprio minorenne... adesso siamo tutti preoccupatissimi... ".
Ruby in queste telefonate spiegherebbe di aver "mentito" agli inquirenti quanto più poteva, come quando in un'altra telefonata racconta: "A parte che io ho negato il tutto ho detto no, sono andata a casa sua ma lui pensava fossi maggiorenne, pensava che avessi ventiquattro (24) anni, anche perché non li dimostro, poi dopo che ha scoperto che ero minorenne mi ha buttato fuori casa perché io sto cercando di salvaguardare lui così a me mi torna in tasca qualcosa ...".
Al padre, sempre il 26 ottobre, Ruby racconta per telefono: "Ora è venuto ... sono con l'avvocato che stiamo parlando di queste cose e dobbiamo trovare una soluzione. Silvio gli ha detto 'dille che la pagherò il prezzo che lei vuole l'importante è che lei chiuda la bocca, che neghi il tutto, e che dica che lei... che dica pure di essere pazza ma l'importante è che lei mi tiri fuori da tutte queste questioni, che io non ho mai visto una ragazza che ha diciassette anni, o che non è mai venuta a casa mia' ... stiamo parlando di queste cose adesso, dopo ti richiamo, quando avrò finito con lui ti chiamerò ...".
E' in questi frangenti che Ruby parla dei famosi 5 milioni che avrebbe chiesto a Silvio Berlusconi "a confronto del macchiamento" del suo nome, tanto che in un'altra telefona datata 28 ottobre Ruby avrebbe raccontato a D. che il Presidente del Consiglio le avrebbe detto: "Io ti do quanti soldi vuoi, l'importante è che passi per pazza, passi per spara caz..te, ma non devi raccontare la verità... e mi ha detto... ti do tutti i soldi che vuoi, li copro in oro però... non dire niente ...e poi... tutti i giornali stanno pubblicando... però... mi ha chiamato praticamente in... 6 giornalisti... ".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: