le notizie che fanno testo, dal 2010

Sicilia, Crocetta: rischio licenziamento 26mila dipendenti pubblici e 21mila privati

Rosario Crocetta denuncia l'impugnativa del Commissario dello Stato che ha cassato 33 articoli su 50 che obbliga la Regione Sicilia non solo ai 350 milioni di tagli fatti per i precari, ma ne aggiunge altri 500 milioni che vengono congelati come riserve, e annuncia: Imporre quest'anno quasi un miliardo fa scoppiare la questione sociale". La task-force per gestire l'emergenza ha infatti già calcolato che "ci sono almeno 26mila lavoratori di enti, consorzi e teatri pubblici a rischio licenziamento" e "21mila dipendenti privati che rischiano il posto". In fibrillazione anche i 30mila tra dipendenti e pensionati della Regione Sicilia, che attendono la pubblicazione del bilancio regionale e l'arrivo degli stipendi.

"E' stato tagliato lo stato sociale in Sicilia, grazie al disperato indebitamento che hanno fatto i governi del passato. Ora dobbiamo vedere come uscirne ma sono convinto che ce la dobbiamo fare e lo dobbiamo fare tutti insieme", spiegava pochi giorni fa Rosario Crocetta, Presidente della Regione Sicilia, commentando l'impugnativa del Commissario dello Stato che ha cassato 33 articoli su 50. Crocetta aggiungeva: "Qui non è in discussione la Finanziaria che regge molto bene sulla questione dei tagli alle partecipate, dei Consorzi di bonifica che per noi da soli valgono tutta la Finanziaria. Questa impugnativa obbliga la Regione siciliana non solo ai 350 milioni di tagli fatti per i precari, ma ne aggiunge altri 500 milioni che vengono congelati come riserve. Ritengo che questo sia stato eccessivo perché a fronte di una Regione che l'anno scorso ha fato tagli per oltre due miliardi di euro, imporre quest'anno quasi un miliardo fa scoppiare la questione sociale. Con i tagli si impugnano le spese riservate ai forestali, ma loro da quanti decenni ci sono? - e aggiungeva - Il risanamento non puo' avvenire in una sola Finanziaria".

Il 24 gennaio, su Facebook, Rosario Crocetta pubblicava quindi "una prima valutazione sulle conseguenze disastrose dell'impugnativa del Commissario dello Stato", chiarendo in una lunga nota: "La giunta regionale, nell'incontro di oggi ha effettuato una prima valutazione sulle conseguenze disastrose - al limite dell'assassinio della Sicilia - dell'impugnativa del Commissario dello Stato. Si tagliano norme di indirizzo culturale che non costano nulla come quelle sul diritto dei componenti di una coppia di fatto ad assistere il compagno malato in ospedale, contrapponendosi al diritto inviolabile della persona. Si tagliano i fondi per la scuola, per l'ERSU, le università, i consorzi e le accademie. In Sicilia non è più possibile studiare. Tutti i fondi per tutti i teatri siciliani sono tagliati. La Sicilia non ne ha più diritto. Sono tagliati i fondi per l'Arpa e non si possono fare controlli ambientali. Sono tagliati i fondi per i ricoveri dei minori; stiano pure in mezzo alla strada o adottino il modello delle favelas brasiliane o quelli dei bambini rumeni che vivono nelle fogne. Sono tagliati i fondi per i disabili e per il disagio sociale. Si trasferiscano a dormire nei giardini pubblici. Sono tagliati i fondi per le IPAB, anziani, malati, orfani e senza parenti troveranno asilo nelle sale di aspetto delle stazioni ferroviarie. Sono tagliati i fondi per i talassemici. Sono tagliati i fondi per le riserve naturali e per i parchi. Brucino. Sono tagliati i soldi per l'EAS; il personale vada al macello. I consorzi di bonifica sono tagliati: niente più acqua nelle campagne".

Crocetta aggiunge: "Naturalmente tutti questi tagli vengono giustificati in nome dei forestali assunti negli ultimi 30 anni dai governi precedenti e mai dichiarati illegittimi da nessun Commissario dello Stato. Ci si rende conto (finalmente!?) che la Sicilia ha assunto troppi precari per cui al macello forestali, lavoratori resais, società nella quale, negli anni sono stati assunti lavoratori dipendenti di società private in fallimento, in contrasto con leggi e la costituzione. Tutto questo era costituzionale fino al 2012. Dal 2013, con 2 miliardi e mezzo di risparmio, e dal 2014 con 450milioni di risparmio, è diventato incostituzionale. Il popolo siciliano è diventato incostituzionale, quando si impongono a tale popolo tagli indiscriminati, dopo decenni di spese folli. Perche lo Stato non fa lo stesso? Non taglia le partecipate statali? Le super consulenze? Gli stipendi altissimi dei dirigenti pubblici strapagati? Sono perfino stati tagliati i fondi di sostengo alle associazioni antiracket e antimafia; che chiudano pure, la solidarietà alle vittime della lotta alla mafia diventa superflua. I ciechi e i sordi non hanno diritto di studiare. Sono tagliati tutti i fondi per i musei siciliani. Chiuderanno".

"Come Presidente della Regione Siciliana chiedo di incontrare i rappresentati del Governo, - precisa Crocetta - per capire se la politica nazionale chieda oggi un vero massacro sociale, se chieda lo scoppio di una situazione eversiva incontrollabile. Se chiede al popolo siciliano di non fidarsi più della democrazia. Il governo siciliano non cede e fa la sua battaglia, ma, mai come adesso è necessaria una larga e unita convergenza che faccia uscire la Sicilia dal baratro in cui ci ha trascinato il passato. Si chiede responsabilità a tutte le parti politiche e sociali. Nessuno pensi di rovesciare sul Presidente della Regione e la sua Giunta la responsabilità di anni di mala gestione. Ho visto perfino cancellare le norme di sostegno alle imprese, o quelle destinate a contenere la rabbia dei poveri e delle categorie svantaggiate, come le misure sulla casa e il sostegno al reddito. Lo Stato rivela un volto cinico e crudele, pensando che il disastro della Sicilia sia solo responsabilità dei siciliani. Non è cosi: tanti hanno sbagliato in Sicilia, ma molti hanno condiviso a Roma. Il velo è caduto: ecco l'unica nota positiva. Ma a questo punto per il disastro paghi chi ha causato e permesso tutto ciò, chi non lo ha combattuto, chi ha fatto finta di non vedere".

Rosario Crocetta ha quindi istituito una task-force per gestire l'emergenza scoppiata, ma già annuncia: "Stiamo facendo i conti, posso dire già che ci sono almeno 26mila lavoratori di enti, consorzi e teatri pubblici a rischio licenziamento". Ma a preoccupare Rosario Crocetta è anche "l'effetto domino del disastro sociale", poiché con la chiusura delle aree industriali, per mancanza di fondi, si avrebbe un impatto su 2.400 imprese che usufruiscono dei servizi forniti dall'Irsap, con ben 21mila dipendenti privati che rischiano il posto. Inoltre, a mettere in fibrillazione gli animi di oltre 30mila tra dipendenti e pensionati della Regione Sicilia è il fatto che il bilancio regionale non è ancora stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, il che ha comportato il blocco dei pagamenti. Crocetta però rassicura: "Il bilancio sarà pubblicato in Gazzetta ufficiale mercoledì". Gli stipendi e gli assegni pensionistici, quindi, arriveranno presumibilmente entro i primi 10 giorni di febbraio.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: