le notizie che fanno testo, dal 2010

Ronaldo: addio tra le lacrime. Kakà, Ibra, Iniesta: il più grande

Il "Fenomeno" appende gli scarpini al chiodo. Ronaldo Luís Nazário de Lima, o più semplicemente Ronaldo, ha annunciato ufficialmente il suo ritiro dal calcio agonistico durante la conferenza stampa nella sede del Corinthians. Su Twitter i cinguettii di Kakà, Ibra e Iniesta.

Il "Fenomeno" appende gli scarpini al chiodo. Ronaldo Luís Nazário de Lima, o più semplicemente Ronaldo, ha annunciato ufficialmente il suo ritiro dal calcio agonistico durante la conferenza stampa nella sede del Corinthians, a San Paolo in Brasile. Inevitabili le lacrime del brasiliano dopo un lungo discorso nel quale ha voluto ricordare i momenti più importanti della sua carriera. Queste le sue parole: "Come potete immaginare oggi sono qui per dirvi che chiudo la mia carriera di calciatore professionista. E' stata bellissima, meravigliosa ed emozionante, con molte sconfitte ed altrettante vittorie. Non ricordo di essermi fatto un solo nemico". In realtà Ronaldo aveva già previsto il suo ritiro a fine 2011. I motivi per i quali il brasiliano ha deciso di fermarsi con 11 mesi di anticipo sono soprattutto legati agli infortuni, che purtroppo non l'hanno mai abbandonato nella sua lunga carriera da professionista. "Tutti qui conoscono la sequenza dei miei infortuni - ha confessato Ronaldo - da quelli in Europa a quelli continui negli ultimi due anni, che mi hanno colpito da un lato all'altro del mio corpo, da una gamba all'altra e da un muscolo all'altro. Tutti i dolori che sento mi hanno fatto decidere di fermarmi in anticipo, e sento già nostalgia perfino dei ritiri". Per chiudere il brasiliano lascia tutti a bocca aperta con una vera e propria rivelazione: "Quattro anni fa nel Milan ho scoperto di soffrire di un disturbo che si chiama ipotiroidismo e rallenta il metabolismo. Per tenere sotto controllo questo problema avrei dovuto prendere dei medicinali che nel calcio sono considerati doping. Molti di coloro che sono qui dovrebbero quindi pentirsi dei commenti che hanno fatto sul mio peso, ma voglio semplicemente dare questa spiegazione visto che sono alla fine della mia carriera". L'inevitabile pianto di quando finisce un'avventura arrivano al momento dei ringraziamenti. Ronaldo dedica una riconoscenza particolare a "tutti i club ed i compagni di squadra con cui ho giocato, tutti voi che mi avete criticato aiutandomi ad essere più forte in ogni momento della mia vita e tutti i tifosi del Brasile che hanno gioito e sofferto con me, ed in particolare quelli del Corinthians". A quel punto niente ha potuto fermare le lacrime del Fenomeno più grande degli ultimi decenni.
Su Twitter non mancano naturalemte i primi cinguettii dedicati al campione, e fra tutti spiccano quelli di Fabregas, Iniesta, Kakà e Ibrahimovic.
Fabregas twitta che "è il giorno triste per il calcio" mentre Iniesta scrive: "Oggi ha detto addio al calcio uno dei più grandi di sempre".
E se Kakà rende omaggio all'amico con un "Molte grazie per tutto ciò che hai fatto per lo sport, per il calcio, per il Brasile e per migliaia di persone", Ibra twitta che "Ronaldo è stato uno dei migliori di tutti i tempi, il calciatore più completo della storia".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: