le notizie che fanno testo, dal 2010

Romano Prodi: meglio taglio Irpef, riduzione cuneo fiscale vada ai lavoratori

Romano Prodi interviene sul tema dell'abbassamento delle tasse annunciato da Matteo Renzi e spiega di veder meglio un taglio dell'Irpef piuttosto che un abbassamento dell'Irap, visto che "oggi sarebbe per tutti conveniente dedicare il beneficio della riduzione del cuneo fiscale al potere d'acquisto dei lavoratori".

In una nota stampa, Romano Prodi precisa che "in relazione ai numerosi e diversi commenti apparsi in questi giorni riguardo alla riduzione del cuneo fiscale e alle critiche riguardanti l'allocazione dei suoi vantaggi, si specifica che l'operazione di riduzione degli oneri sul costo del lavoro del governo Prodi nel 2007 e stata di 7 miliardi di euro, divisi per il 60% a favore delle imprese e per il 40% a favore dei lavoratori". Anche Pier Luigi Bersani è intervenuto sul tema, ricordando: "Abbassare il cuneo fiscale non portò a investimenti. L'operazione che fece Romano Prodi fu una delusione per me e anche per lui". Romano Prodi ricorda quindi che "la ragione di questa divisione derivava dal fatto che nella situazione congiunturale di allora appariva soprattutto necessario diminuire il costo del lavoro per ripristinare la capacita concorrenziale che si andava perdendo", aggiungendo però: "La situazione odierna e diversa. Il problema dominante e la caduta verticale del potere d'acquisto dei lavoratori e la preoccupazione numero uno delle imprese e l'impressionante caduta della domanda interna". Per questo motivo, Romano Prodi vede quindi meglio un taglio dell'Irpef piuttosto che un abbassamento dell'Irap, visto che "oggi sarebbe per tutti conveniente dedicare il beneficio della riduzione del cuneo fiscale al potere d'acquisto dei lavoratori".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: