le notizie che fanno testo, dal 2010

Polanski libero, anche la vittima Samantha Geimer è felice

Roman Polanski era stato arrestato in Svizzera su richiesta degli Stati Uniti il 26 settembre 2009 per un reato di violenza sessuale su una 13enne commesso nel 1977 in California. Ora è libero e non verrà estradato negli USA. Anche la vittima, Samantha Geimer è soddisfatta dalla decisione della giustizia elvetica.

E alla fine la storia dell'estradizione di Polanski negli gli USA ha avuto un lieto fine (ma dipende dalla parte in cui si guarda la vicenda). La svizzera ha infatti negato l'estradizione negli Usa del regista 76enne di origine polacca (ma cittadino francese) per un "vizio di forma" revocandogli anche gli arresti domiciliari e il braccialetto elettronico. Sembra infatti che il giudice americano dell'epoca, nell'udienza del 19 settembre 1977, abbia scritto da qualche parte che la pena dententiva complessiva era stata scontata dal Polanski per 42 giorni nel reparto psichiatrico nella prigione di Stato californiana a Chino. Nel 1977 Polanski venne arrestato a Los Angeles per "violenza sessuale con l'ausilio di sostanze stupefacenti" ai danni di una ragazzina di tredici anni.
Il 26 settembre 2009 Polanski era stato quindi arrestato in Svizzera su richiesta degli Stati Uniti (dal 2005 pendeva su di lui un mandato di cattura internazionale) proprio mentre arrivava in aeroporto per ricevere un premio al Festival di Zurigo.
Roman Polanski è felice "per la fine di un incubo durato più di 9 mesi", così l'attuale moglie del regista Emmanuelle Seigner.
Il ministro della Giustizia svizzero, Eveline Widmer-Schlump ha dichiarato che "Nemmeno dopo intensi accertamenti è stato possibile escludere con la necessaria certezza la presenza di un vizio nella domanda di estradizione statunitense". Anche la vittima di Polanski, la 13enne dell'epoca, Samantha Geimer, che ora ha 46 anni e due figli, ha dichiarato alla radio francese Europa 1 "Sono soddisfatta per questa decisione, e spero che la procura distrettuale chiuderà il caso una volta per tutte".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: