le notizie che fanno testo, dal 2010

Roma con Osvaldo pari all'Olimpico con Siena. Luis Enrique: ho fiducia

Il Siena strozza in gola ai tifosi giallorossi l'esultanza per la prima vittoria della gestione Luis Enrique, pareggiando all' 88' con Vitiello il gol di Osvaldo al 25'. Per l'argentino, pagato 17 milioni dalla società di Trigoria, è il primo gol con la maglia della Roma, oltre ad essere l'unico attaccante ad esere andato a segno in questa stagione.

La Roma in versione spagnola sta ancora cercando se stessa. E' il succo di quanto ha fatto vedere ancora una volta la squadra giallorossa questa sera in occasione del posticipo della quarta giornata di serie A (terza effettiva). Gli uomini di Luis Enrique guadagnano solo un pareggio per 1 a 1 all'Olimpico contro un Siena coriaceo, che crede fino alla fine alla possibilità di venire a fare risultato nella capitale. Compito non affatto facile, visto che Totti e compagni si trovavano sotto gli occhi curiosi del presidente DiBenedetto, in tribuna d'onore, e di tutti i tifosi che attendono quel passo in più rispetto alla partita di San Siro. Quel passo, che si chiama "vittoria", non è arrivato nemmeno questa volta. C'è da dire che la Roma ha però trovato finalmente il primo gol della stagione avvenuto per opera di un attaccante. E' Osvaldo al 25' a mettere in rete un facile tap-in, grazie al cross di Josè Angel per Borriello che stoppa in area piccola e serve la palla all'argentino su un piatto d'argento. I giallorossi macinano gioco, con un Francesco Totti che gioca a tutto campo, ma risultano sterili e chiusi in un possesso palla che quasi mai porta occasioni pericolose. Il Siena, d'altro canto, se la gioca in contropiede. Il 3-4-3 disegnato dal tecnico Sannino nella ripresa dimostra come i bianconeri credano nella rimonta. O quantomeno nel pareggio, che arriva a una manciata di minuti dal 90'. E' Brienza a scaricare il suo destro all'altezza della lunetta dell'area di rigore, colpendo il palo e trovando Vitiello sulla ribattuta che fulmina un incolpevole Lobont. Prima del fischio finale Osvaldo fa gridare di gioia i tifosi, ma è solo un'illusione ottica, il suo colpo di testa si spegne al lato. La Roma chiude la quinta partita stagionale senza mai aver esultato per una vittoria e guadagnando il secondo punto su tre partite proprio come il Siena. Basta questo per dimostrare quanto Luis Enrique dovrà lavorare per raccogliere i frutti tanto promessi al popolo giallorosso. In conferenza stampa Luis Enrique ammette infatti di essere "il massimo responsabile di quello che succede in campo". "La squadra ha fatto tutto quello che voglio - spiega - ha fatto la partita ma non riusciamo a concretizzare". Luis Enrique sottolinea però di continuare ad avere "fiducia", concludendo: "A Parma avremo un altro appuntamento importante ed il mio lavoro dovrà servire soprattutto a motivare la rosa. Spero di vedere dei miglioramenti".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: